Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login


Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione 
Pagina 1 di 2
Vai a 1, 2  Successivo
 
Basso Metal: Moda O Convenzione?
Autore Messaggio
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
Vedo che oggi per il metal si usa un tipo di basso o meglio due tre bassi chissà perchè dedicati al metal.
Ricordo che ieri il basso metal era PJ. Questo perchè vi era un motivo per cui quella configurazione fosse valida per quel genere musicale oppure solo una convenzione magari pubblicizzata da qualche famoso del tempo??

Io col PJ ci ho suonato di tutto però in effetti il mio primo, ma anche secondo basso erano PJ...Perchè il PJ era per il metal e perchè oggi non lo è più o è affiancato da bassi che non prevedono lo split coil? DIscorso di evoluzione musicale, moda oppure semplicemente tutto canta se ci si accontenta?
 




Io uso: solo le dita
 
gigetto2 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Sicuro di aver cercato bene?

Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
avatar gigetto2, machecazzostaiaddì?  

Ho visto metallari praticamente con tutti i bassi, sei corde fretless compresi.
 




Io uso: plettro e dita
 
Jacker Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
^^^^
https://www.youtube.com/watch?v=j15pFUlXSc8


Questo spacca..
 




Io uso: solo le dita

____________________
I used to think I was indecisive, but now I'm not so sure.
 
Alexce69 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
Ma come ci sei arrivato a questa sentenza.

A parte che modelli x per genere x non esistono.

Inoltre il metal è proprio uno di quei generi in cui si è proprio azzardato di tutto, dai classici marchi ai più disparati sei corde, con bassisti delle più svariate tecniche stilistiche.
È proprio il genere musicale più sbagliato per costruire categorie nette di strumenti e di musicisti.
 




Io uso: plettro e dita
 
darry Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
avatar darry, ricordo che un certo Cliff....rivitalizzò un marchio che era da noi poco noto. Ottimi strumenti con estetica aggressiva (ho ancora il modello economico FBT by Aria ProII) e questa configurazione. Il mio vecchieo Eko cinque corde anche lui PJ era ancora più estremo come colorazione e ispirato al metal. Oggi Dingwall e Bowden hanno modelli che nei vari sample vengono spesso usati proprio col metal....
 




Io uso: solo le dita
 
gigetto2 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
avatar gigetto2,

ma come ti vengono 'ste considerazioni?      
PJ è PJ, non è "metal", e il metal si può suonare con tutto, basta guardare i bassisti metal da Burton a DiGiorgio, passando per Steve Harris, Ellefson e compagnia cantante.
Il fatto dei bassi "metal" inizia negli anni '80 quando il metal divenne un genere consolidato e nacquero strumenti con un design cattivo e moderno, tipo i BC Rich, Jackson, ESP LTD, ecc...
Ma questa cosa ha poco a che fare con la configurazione pick-up, credo sia più una cosa estetica.
E dopo quasi 40 anni, quelli rimangono i bassi metal, se guardi su Thomann ad esempio, c'è una sezione dedicata e puoi trovarci tutti i tipi di configurazione pu.
 




 
duiliobelrtramo Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
avatar gigetto2, come per il 99% delle cose in fatto di musica, la risposta è un grandissimo "dipende".

però ti posso dire che in ambito metal si predilige oggi l'utilizzo di bassi attivi, perché l'elettronica attiva aiuta non poco a "trattare" ed equalizzare con più facilità il suono, visto che è un genere in cui solitamente si è molto più chirurgici con il mix.
naturalmente mi riferisco a persone mediamente competenti.

ps
giusto per la cronaca il mio basso da "metal" è il trb6 con i Bartolini americani, ma quando non ho voglia di portarmi 5 kg alle prove anche con il jazz me la cavo più che benone.

peaceQ
 




Io uso: plettro e dita

____________________
Naturalmente sono solo i miei 2 cents
Rovino la buona musica con: Rickenbacker 4003 MID - Yamaha TRB6 - Fender Player Jazz 5 - Ibanez MiKro GSRM20 - HB JB-40FL
Helix Stomp - LittleMark2 - 2x ATS
 
Spaccher Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
avatar gigetto2, è semplicemente una questione di evoluzione, o meglio di quello che la tecnologia offriva ed ha sviluppato negli anni.

tra la fine degli anni 70 e l'inizio degli anni 80 i pickup soapbar, humbucker moderni e simili erano ancora una novità in via di sviluppo, e per basso trovavi più facilmente single coil e split coil, tant'è che molti bassi di quegli anni avevano degli split coil nella cover rettangolare (vedi Aria ProII, Ibanez Musician e Roadster/Roadstar, Steinberger...).

poi mano a mano si sono diffusi anche pickup diversi, mettici pure le questioni di brevetto (Fender inventò lo split coil perchè il pickup humbucker normale era ancora brevetto Gibson, se non erro, e trovarono un escamotage), e considera sempre che il metal era un genere musicale "giovane" in continua evoluzione, quindi ha poi abbracciato tutte le novità, numeri elevati di corde, pickup e forme particolari, elettroniche complesse...

altri contesti nati prima (ed ovviamente invecchiati prima) sono rimasti più legati a prodotti più vecchi, così come contesti più recenti hanno seguito le novità.

pensa alla musica Gospel, dove è quasi d'obbligo l'uso del basso a 6 corde, od addirittura la musica latinoamericana moderna usa quasi sempre bassi a 6 corde di stampo moderno, con soapbar od humbucker ed elettroniche attive.

se andiamo a vedere invece quei contesti dove si rifanno a sonorità "vintage", ecco che abbiamo il fiorire di corde lisce, bassi Fender classici o scala corta dal design anni 60.

semplicemente cambiano i tempi, cambiano gli strumenti disponibili...

Citazione:
Oggi Dingwall e Bowden hanno modelli che nei vari sample vengono spesso usati proprio col metal....


semplicemente perchè è difficile vedere il Dingwall suonato nel complessini che fa le cover di musica italiana anni 60  

certi strumenti sono stati poi sviluppati per certi contesti, a partire dalle necessità meramente tecniche: vedresti mai un metallaro iper-tecnico fare sweep picking e tapping su un Hofner semiacustico?

oggi abbiamo tastiere ultrapiatte con più di 24 tasti, manici multiscala con tasti in acciaio, design sempre più volti a permettere di eseguire tecniche virtuosistiche.

un tempo non servivano perchè non c'erano ancora "quelle tecniche" e quelle necessità, semplicemente.

il metal è stato ed è tutt'ora campo fertile per tecniche in evoluzione, e di conseguenza i produttori moderni offrono qualcosa che permetta ai musicisti di questo genere di esprimersi al meglio.

Steve Harris, che è un esempio di metal "vintage", può usare serenamente un classico Precision anni 70 con corde lisce.
già se andiamo su uno come Billy Sheehan, rimanendo sul "vintage" (tra virgolette), ecco che abbiamo tastiere piatte con tasti scalloped, elettroniche più elaborate (l'uscita stereo), meccanica drop tuning...

più si va avanti, più gli strumenti si modernizzano per adattarsi a quello che la musica richiede.
 




Io uso: plettro e dita

____________________
www.Megabass.it - Megabass - Il Sito
http://forum.megabass.it/
http://wiki.megabass.it/

Pier's Gear:


- Yamaha TRB6p Trans Red
- Yamaha BB3000 Candy Apple Red
- Fender Jazz Bass American Vintage 74 Natural
- Music Man Stingray Classic 4 Black
- Squier Bronco LE Shell Pink
- Harley Benton JB75SB
- Markbass CMD 121h
- Tabacco Cables
- Korg Pitchblack
- EHX Green Russian Big Muff


gugu ha scritto: 
uuuh... non vedo l'ora di vedere scritto "si chiude" con più di otto lettere!!!
 
Pier_ Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
avatar duiliobelrtramo,sì però forse perchè ero fanciullo, forse perchè le estetiche aggressive poi avevano i PJ....soluzione che peraltro pur con i suoi limiti apprezzavo ed apprezzo (l'unico residuato dell'epoca è molto rumoroso...forse per un single non allo stato dell'arte al pari del BB FL)

avatar Pier_,si và a mode? Te lo chiedo perchè oggi spesso vedo forme del Jazz con su questa configurazione e vedi te se tra qualche anno il basso Jazz sarà un PJ....
 




Io uso: solo le dita
 
gigetto2 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
[user],si và a mode? Te lo chiedo perchè oggi spesso vedo forme del Jazz con su questa configurazione e vedi te se tra qualche anno il basso Jazz sarà un PJ....[/quote]

Non è una moda, è un'evoluzione tecnica del modo di suonare il basso elettrico, ed il metal in questo senso ha molti meno confini di generi "standard" come il blues ed il jazz.
Il primo metal vero e proprio è nato intorno al 1980 in Europa e gli strumenti a disposizione che trovavi in mano ai bassisti dell'epoca erano i Fender (P e J), Rickenbacker (parecchi e chi se lo poteva permettere..), ed ovviamente lo Stingray (chi se lo poteva permettere...), non c'era tanto altro.
La ricerca di sonorità più veloci e precise nei suoni ha indotto produttori di nuovi strumenti a sperimentare per andare incontro a queste esigenze; infatti era uno dei pochi generi che ha portato a far sparire i Fender ed a portare avanti tastiere scalloped, ultrapiatte, pickup attivi a iosa con decine di configurazioni diverse. Già il PJ non era così nuovo, inventato da Ibanez nel 1974; ma è una delle tante configurazioni utilizzate. Onestamente, nel tempo e dal vivo, ho visto utilizzare di più i bassi attivi che quelli passivi e tra quelli classici ha resistito di più lo Stingray piuttosto che gli altri, secondo me per ovvi motivi sonori; suoni più potenti, "precisi" e compressi.
 




Io uso: plettro e dita
 
Ultima modifica di darry il Mer 07 Apr, 2021 15:37, modificato 1 volta in totale 
darry Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
avatar darry,guarda io ricordo una cosa, per quanto riguarda bassi e chitarre di quegli ottanta.

Molti marchi vennero importati da noi, prima c'erano solo gli americani, parlo di Ibanez poco diffuso prima, Aria ProII, e anche i marchi economici per un semplicissimo fatto.

Non è che Fender sparì come non sparì Gibson e come non sparì la Martin o i Mesa Boogie solo che i listini trimestrali a causa delle fluttuazioni del cambio talvolta rendevano poco fattibile un acquisto. Chi magari risparmiava una milionata o anche due per comperarsi uno strumento poi l'andava a comperare e....lo strumento era aumentato di cinquecentomilalire....

Più stabile il cambio con lo Yen ecco che i cari anche per allora strumenti sopratutto se di fascia alta Giappo erano meno soggetti a rincari improvvisi a tutto vantaggio di commerciabilità e rivendibilità.Così i Jazz spesso divennero un 924 o un SB900 e i boxer un Cat....
 




Io uso: solo le dita
 
gigetto2 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
^^^^^^

I fender e gli altri sono sempre stati cari; ma usati si trovavano a prezzi "un poco" accettabili, la "moda del vintage non c'era".
Io conosco solo la realtà romana; e qui di strumenti ne trovavi tanti, per ovvi motivi di bacino d'utenza; il problema semmai è che il genere era suonato da giovanissimi, come lo ero io, ed i soldi erano pochi, per cui la scelta era limitata. Ma io preferirei parlare dei professionisti non di uno squattrinato dell'Appio-Latino come ero io.
 




Io uso: plettro e dita
 
darry Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
avatar gigetto2, le mode ci sono e ci saranno sempre, c'è poco da fare.

pensa al fatto che i Fender con la vernice che si scrostava venivano spesso riverniciati, e la cosa era considerata un difetto (tanto da far introdurre poi la vernice poliuretanica più resistente).

ad un certo punto è nata la moda del relic, ed ecco che tornano le vernici sottili e rigide che si scrostano, gli strumenti relicati di serie con rincaro sul prezzo di listino, tecniche di relicatura assurde e via dicendo.

ma pensa al fatto che le forme Explorer e Flying V sono state ideate da Gibson negli anni cinquanta, ed erano legate ad un contesto di southern rock/country    poi son diventate icona del metal negli anni 80 e 90, e riprese nei design più aggressivi con qualche spigolo in più.

ma per dirti, a me piace molto l'Ibanez BTB come design, no? è un basso che associamo facilmente al metal, eppure ho scoperto essere uno standard nel mondo del latinoamericano  

c'è stato il periodo in cui nel metal andavano gli strumenti tutti neri, il periodo in cui andavano solo strumenti con legni figurati, altri con colori vistosi.
sono sicuro che qualcuno troverà pure qualche filone metal in cui si usano i colori pastello Fender anni 50  

ma è un po' come per le chitarre: gli Iron Maiden usavano le Strato con l'humbucker al ponte, poi sono arrivate le Ibanez RG e la Fender ha iniziato a proporre le Fender HM Strat (Heavy Metal Strat, per l'appunto), con ponti Floyd Rose o Kahler che permettevano di fare molte più cose del ponticello vibrato anni 50, così come si sono diffuse le tastiere piatte, i tasti grossi, le configurazioni HSH, e più avanti i manici a 7 ed 8 corde.

pensa solo che David Gilmour, per fare il solo di Money, dovette usare una chitarra specifica, che comprò nei primi anni 70 dal liutaio Bill Lewis, perchè aveva 24 tasti ed a lui servivano quelle poche note in più per registrare quel solo, e non c'erano alternative all'epoca.

una chitarra con 24 tasti era una cosa rara e prodotta da un liutaio. oggi ci sono chitarre con 26, 30 tasti, prodotte in serie anche a due lire.

gli strumenti si muovono con la musica, col cambiare delle necessità dei musicisti.
 




Io uso: plettro e dita

____________________
www.Megabass.it - Megabass - Il Sito
http://forum.megabass.it/
http://wiki.megabass.it/

Pier's Gear:


- Yamaha TRB6p Trans Red
- Yamaha BB3000 Candy Apple Red
- Fender Jazz Bass American Vintage 74 Natural
- Music Man Stingray Classic 4 Black
- Squier Bronco LE Shell Pink
- Harley Benton JB75SB
- Markbass CMD 121h
- Tabacco Cables
- Korg Pitchblack
- EHX Green Russian Big Muff


gugu ha scritto: 
uuuh... non vedo l'ora di vedere scritto "si chiude" con più di otto lettere!!!
 
Pier_ Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
...potevo mancare io, se si discute di metal?!?  
Assai improbabile.

Da suonatore metal di vecchia scuola (...in effetti, molto vecchia... Tanto adoro i gruppi degli anni 80, quanto fatico a entusiasmarmi con le successive "evoluzioni"    ...che poi è tutto da dimostrare che siano state in meglio ), mi sono trovato bene sia con bassi con un solo pickup tipo split (Fender Precision) sia con bassi a due pickup (ovviamente il sempiterno Rick 4001, ma pure il Fender Jazz).
 La configurazione tipo PJ mi piace molto fin da quando ho iniziato a suonare, ma non perché sia o no metal... Semplicemente, mi piace molto il suono dei 2 pickup assieme; snellisce un po' il suono rispetto al solo pickup split, che comunque mi piace pure quello, eh!  Diciamo che PJ mi sembra particolarmente indovinata, come configurazione, molto versatile.
Solo il pickup al ponte, invece, non mi garba granché come suono; e non apprezzo troppo il suono del fretless,  con tutto il rispetto per DiGiorgio e per gli altri (pochi) che lo usano nel metal.
Di bassi attivi ho usato parecchio il Warwick Fortress  (PJ pure lui) negli anni 90, dal vivo rendeva bene. Anche il BC Rich Mockingbird (due pickup tipo P attivi), bello potente come suono e come presenza.
Quanto all'estetica, logico che abbia una sua importanza e che alcuni strumenti si presentino meglio di altri nel contesto;  ma  tanto un Hofner tipo Viola Bass non lo userei in ogni caso perché non mi è mai piaciuto neanche visto da lontano     (ho idea che se McCartney non lo avesse usato non sarebbe un basso così considerato, ma vabbeh... De Gustibus! )... e i coloretti pastello anni 50/60 non li gradisco affatto. Allora, meglio i colori metallizzati degli 80! ...sono di parte? ...forse un pochino.  
   Però certi bassi (e chitarre) dalla forma ultra evil    non li apprezzo, siano metal finché si vuole... Il Mockingbird è esteticamente la forma di basso che preferisco (ovviamente dopo quella del Rickenbacker!), anche il Warlock lo apprezzo... Però certe mostruosità della BC Rich tipo il Beast o altri arnesi simili di altre marche, proprio non ci trovo nulla di mio gusto! ...ma magari  per uno che suonasse black metal con il volto dipinto da panda (l'orso, non la auto   ) può anche andare bene...
Salve a Tutti!
 




Io uso: plettro e dita
 
Ultima modifica di digomma il Gio 08 Apr, 2021 03:32, modificato 3 volte in totale 
digomma Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
digomma ha scritto:  
Il Mockingbird è esteticamente la forma di basso che preferisco [...] anche il Warlock lo apprezzo
Devo dirti qualcosa o ci siamo già capiti così?  
 




Io uso: plettro e dita

____________________
Canzone di oggi
 
Fu-V Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
avatar digomma,
la forma del Monkibird piace parecchio anche a me \m/ \m/
a me piace moltissimo anche l' Hamer Scarab, usato in passato da Rick Savage dei Def Leppard.
Però per me il numero uno in fatto di estetica: Thunderbird!
 




Io uso: plettro e dita

____________________
Certe canzoni vanno accompagnate, altre bisogna spingerle!!! \m/ \m/
 
Yorick Rose Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
avatar digomma,i miei ricordi altrettanto lontani mi suggeriscono una riflessione.
Al di là del genere che si suonasse negli ottanta la tendenza era rivolta alle novità, quindi forme nuove, bassi "strani"anche se poi il Precision era sempre lì, musa ispiratrice assieme al Jazz di un pò tutti, ma la tendenza voleva Headless, body ridotti, forme esagerate.Per non parlare dei colori, se non ricordo male le tinte uniche tastiere comprese sono di quel periodo...
Oggi la tendenza è invece opposta un ritorno al classico almeno nelle forme e nei colori.
 




Io uso: solo le dita
 
Ultima modifica di gigetto2 il Gio 08 Apr, 2021 09:10, modificato 1 volta in totale 
gigetto2 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
avatar Yorick Rose, e pensa che il Thunderbird era un basso country   lo usava persino il bassista de Gli Idoli ai tempi in cui suonavano con Dalla: https://upload.wikimedia.org/wikipe..._%281972%29.jpg

Citazione:
Oggi la tendenza è invece opposta un ritorno al classico almeno nelle forme e nei colori.


alla fine è sempre ciclica la moda. il "vintage" era già tornato negli anni 90, quando la musica ricercava le radici nel rock anni 70, e tornavano di moda gli strumenti Fender (a partire dalle Jazzmaster dei Sonic Youth fino alle Strato e Jaguar di Cobain).

primi anni 2000 si è tornati al "moderno" un po' anni 80, e poi di nuovo al vintage, ed ecco che son tornate le corde lisce, i bassi relic e via dicendo.
è tutto ciclico e dipende sempre da cosa va di moda.

nel metal non mi pare che si siano diffusi i relic estremi nè siano tornati i Fender, anzi... però vedo che vanno sempre di più le finiture da mobile antico.
 




Io uso: plettro e dita

____________________
www.Megabass.it - Megabass - Il Sito
http://forum.megabass.it/
http://wiki.megabass.it/

Pier's Gear:


- Yamaha TRB6p Trans Red
- Yamaha BB3000 Candy Apple Red
- Fender Jazz Bass American Vintage 74 Natural
- Music Man Stingray Classic 4 Black
- Squier Bronco LE Shell Pink
- Harley Benton JB75SB
- Markbass CMD 121h
- Tabacco Cables
- Korg Pitchblack
- EHX Green Russian Big Muff


gugu ha scritto: 
uuuh... non vedo l'ora di vedere scritto "si chiude" con più di otto lettere!!!
 
Pier_ Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
Fu-V ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Devo dirti qualcosa o ci siamo già capiti così?

Boh, vedi te...    ... Ma mi sa che ci capiremmo già con gli sguardi, fossimo lì in persona! ...e, ovviamente, non saremmo d'accordo!  

Riguardo al Warlock, lo apprezzo sì ma assolutamente non come il Mockingbird...  più moderatamente, diciamo. L'importante è che non abbiano quella dannata paletta a forma di corna, quella che originariamente era solo del Widow (basso di Blackie Lawless degli W.A.S.P. ai tempi dei primi due dischi e in seguito di DD Verni degli Overkill. Non mi piace granché come forma) e successivamente invece è stata usata anche per altri modelli di basso e di chitarra della BC Rich dai 90 in poi.
 Quella, proprio no... troppo esageratamente evil, come anche
Ironbird o certi modelli della ESP troppo tremendi.   Quella roba sì è troppo esagerata, persino per uno come il sottoscritto!
...che pure va fiero di essere da ormai tre decadi e mezza un bassista HM/HR  (e come dico spesso, lo resto sempre, pure quando sto suonando tutt'altro    ) e apprezza molto quegli strumenti che, già vedendoli, richiamano un certo tipo di suonare e di porsi, nel quale mi ritrovo.
 Anche se, come Pier ha giustamente specificato, alcuni sono nati per tutt'altro uso, vedi appunto Thunderbird (altro basso che mi piace assai), Explorer e Flying V, che se fossi chitarrista (e talvolta tento, recentemente    ) sarebbe di certo la mia prima scelta!
È un altro caso di strumenti che quasi certamente vengono usati come minimo per fare Rock, meglio se Hard!  Diciamo che, se già non bastasse il mio aspetto, mi piace affermare da subito chi (cosa   ) sono musicalmente!   Make a statement, mi pare si dica. Ma non è questione di seguire o no delle mode, perché davvero non sono il tipo! Diciamo che così mi ci ritrovo pienamente e va bene così! Bisogna cercare di essere sé stessi, il più possibile, no ?!?    ...e per render meglio l'idea, ecco il sottoscritto in un concerto con il gruppo Pop Rock (ben poco Rock e fin troppo Pop, sfortunatamente... ed infatti la nostra collaborazione ha avuto durata breve, nonostante come persone andassi d'accordo con tutti loro) nel maggio 2019:  https://postimg.cc/v1fMk8zm    
Salve a Tutti!
 




Io uso: plettro e dita
 
Ultima modifica di digomma il Gio 08 Apr, 2021 19:33, modificato 6 volte in totale 
digomma Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
Beh io ho un ibanez sr Giapponese del periodo con i pickup che son dei dimarzio senza esser marchiati di marzio ed è il basso più aggressico che ho, il suono pj è spigoloso e si adatta bene sia al genere che alle tecniche del plettro molto usato nel genre, ma comunque anche con le dita e corde in acciaio fa il suo dovere, inoltre è adatto anche per sound stile black music anni 90 e Gospel...col precision e il jazz non ci arriverò mai, ha anche unbel suono precision, ma il pick up al ponte non si può sentire  
Penso sia fatto esclusivamente per suonare da pj.
 




Io uso: solo le dita
 
Cliffettino Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
A proposito di bassi metal, per gli amanti del super old-school thrash metal, c'è questa miniserie su youtube curata da Steve DiGiorgio che ci mostra tutto sui bassisti di 3 leggendarie band della Bay Area durante l'ultimo Tour, quello che doveva passare anche da Milano ma fu annullato pochissimi giorni prima per pandemia (che poi ha coinvolto i Testament molto direttamente, ahiloro)

https://www.youtube.com/playlist?li...-XTrK2s8aPYgRSr

solo per appassionati
 




 
Ultima modifica di duiliobelrtramo il Ven 09 Apr, 2021 17:30, modificato 1 volta in totale 
duiliobelrtramo Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
Direi uno strumento di base con un buon attacco, uscita e tanta tanta grinta a prescindere da elettronica e pick up, nel metal ci sono tante correnti (Black, Thrash, Folk, etc.) con suoni decisamente diversi
 




Io uso: solo le dita
 
highvilledog Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
post="1126622" ha scritto: 
Direi uno strumento di base con un buon attacco, uscita e tanta tanta grinta


Proprio il contrario del mio vecchio Aria FBT....la grinta l'ha solo nel colore epure grazie al suo mentore nel 1986-89 ne vendettero a vagonate.

Aria sulla fascia alta invece aveva dei bei bassi NTB con tanto attacco e grinta, che usava anche Cliff Burton, ma erano divenuti famosi nel Pop grazie ad un bassista famoso....che li usava...

L'attacco è quel qualcosa nel basso che non essendo specifico di qualche componente  ma la combinazione di più fattori è ben difficile da definire.....voi che ne dite?
 




Io uso: solo le dita
 
gigetto2 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Basso Metal: Moda O Convenzione? 
 
Beh, il Re dell’attacco è Steve Harris, che usa: dita, corde liscie, elettronica passiva. Esattamente il contrario di quello che in teoria serve per un buon attacco
 




 
duiliobelrtramo Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio  
 
Non vedo le cose così complicate...
Sono dell'idea che un suono metal (ma vale anche per tutti gli altri generi) lo tirano fuori le mani e l'orecchio.
Quindi ogni basso può andar bene a seconda del rapporto che si crea con chi lo suona.
Gli strumenti che poi vediamo usare dai professionisti rientrano in discorsi di mercato, music business, immagine, endorsement, ecc...
 




 
thekeeper Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:    
 

Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Pagina 1 di 2
Vai a 1, 2  Successivo


NascondiQuesto argomento è stato utile?
Condividi Argomento
Segnala via email Facebook Twitter Windows Live Favorites MySpace del.icio.us Digg SlashDot google.com LinkedIn StumbleUpon Blogmarks Diigo reddit.com Blinklist co.mments.com
technorati.com DIGG ITA linkagogo.com meneame.net netscape.com newsvine.com yahoo.com Fai Informazione Ok Notizie Segnalo Bookmark IT fark.com feedmelinks.com spurl.net
Inserisci un link per questo argomento
URL
BBCode
HTML
 




 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files
Non puoi scaricare gli allegati
Non puoi inserire eventi calendario