Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login


Tags E Parole Chiavebongo, bongo 5 hh, musicman bongo, recensione

Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione 
Pagina 1 di 1
 
 
MusicMan Bongo 5 HH
Autore Messaggio
Rispondi Citando   Download Messaggio 
Messaggio MusicMan Bongo 5 HH 
 
Ancora io!!!! Due recensioni in un giorno .... se vi annoio ditemelo, che smetto.
E' oramai un annetto circa che ho per la mani questo Bongo della Ernie Ball quindi, passati i primi facili entusiasmi da strumento nuovo (comperato usato nel mio caso), posso lanciarmi in una breve recensione su questo particolare strumento.Lo so che già c'è uno scritto di Roberto Salomone, e concordo pienamente su tutto, ma due righe le voglio buttar giù anch'io per dovere di cronaca. Non me ne voglia Roberto!!!!
Esteticamente si è già detto tutto ed il contrario di tutto ma vorrei aggiungere un paio di cosette.
E' palese che il basso si fa notare parecchio: la forma ed  il colore ( nel mio caso Desert Gold, una specie di arancione metallizzato) giocano a suo favore e quando siete sopra un palco con qualche luce puntata addosso sicuramente qualcuno vi noterà, più o meno come notereste Pamela Anderson ad un convegno di suore.
Quindi, se siete il classico bassista che preferisce l'anonimato evitate questo basso , oppure compratelo di un colore più sobrio. Viceversa , se volete distogliere l'attenzione del pubblico dal vostro borioso chitarrista , è il basso che fa per voi. Ah, preparatevi anche a rispondere ad alcune strane domande del tipo "Ma è una "chitarra" vera?" oppure "Ma è fatto di plastica?" e via dicendo. Non vi dico le risate.... e le risposte che ho dato ....
Bene , ora facciamo i seri.   Il basso è ben costruito, Ernesto su questo non tradisce anche se ho notato che il manico, con il basso a tracolla, tende a scendere. Intendiamoci, niente di preoccupante e non siamo ai livelli di un Thumb Bass, però qualcosina si sente  ma questo non impedisce di suonarlo anche per 2 ore senza affaticarsi. Sì, ma come suona? Bene, molto bene. Questo è il classico basso che suona di elettronica; il che per me non è un difetto se l'elettronica è studiata bene. E questa è studiata ad hoc. Abbiamo sei manopoline (in realtà quattro) che controllano bassi , medio bassi, alti, medio alti, volume e pan pot pick up. Se ne deduce che i suoni ottenbili dallo strumento sono tanti e se ci mettiamo pure a smanettare sull'ampli capite anche voi che possiamo passare intere giornate. Ma è proprio questa la figata di questo strumento; l'incredibile flessibilità data appunto dai suoi controlli di tono.
Sarà capitato anche a voi di suonare in locali che definirli piccoli è un eufemismo; quelli dove il bassista è seduto sopra al batterista ed il chitarrista sopra al tastierista. Bene, portare gli ampli è impossibile e quindi tutti dentro l'impianto voce. Io con il Bongo ed il compressore dell'Aphex come D.I. , canale mixer in flat, veloce smanettata ai controlli del basso ed il suono era li bello presente. Ovvio , non era "il mio suono" ma sicuramente un suono piacevole in grado di far sentire il basso e di suonare in tutta tranquillità per tutta la serata a volumi quasi inesistenti.
Con il Bongo potete suonare con le dita, con il plettro, in tapping, in slap, in qualunque altro modo vi venga in mente  se avete un minimo d'orecchio, il suono ve lo tirate fuori di sicuro. Almeno io non ho avuto la minima difficoltà a farlo.
Due parole sullo slap: essendo il modello con due humbucker pensavo di incontrare difficolta nell'esecuzione per via del pick up al manico, ma non è così.
Il pick al manico se correttamente regolato (poi torno su questo argomento) è molto infossato nel corpo quindi non dà fastidio; il problema sono invece i due tasti in più del manico (almeno per me). Nel senso che quando vado a tirare le corde le mie dita vanno automaticamente alla fine dal classico manico a 22 tasti, trovando però gli altri due tasti del manico a 24. Anche qui è solo questione d'abitudine, ma sappiate che dovrete tenerne conto.
Parlavo prima della regolazione pick up: occhio perché qui la corretta regolazione fa la differenza sul suono finale. Con i pick up troppo attaccati alle corde il basso suona morto (ho fatto alcune prove) quindi attenetevi alle regolazioni del Sito Musicman; non abbiate paura di allontanarli dalle corde, tanto di segnale ne mandano in abbondanza.
Per concludere, il Bongo è un ottimo basso e dimostra , se mai ce ne fosse stato bisogno, che Ernesto gli strumenti li sa fare.
Ok, qui non c'è il suono Stingray,  Jazz o Precision. C'è un suono Bongo, che poi piaccia o no è una questione di gusti. Ma la versatilità, praticità e qualità dello strumento sono un eccellente biglietto da visita a cui si aggiunge anche un'ottima quinta corda.
Forse, e dico forse , lo si può accusare di scarsa personalità... Ma è come cercare la cellulite sul fondoschiena della Canalis.
 




Io uso: plettro e dita

____________________
www.reliveband.com

www.myspace.com/relive360gradi

.... lo riconosci perch? lo Stingray suona di elettronica anche da spento ....
 
vaiciba Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Sicuro di aver cercato bene?

Mostra prima i messaggi di:    
 

Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Pagina 1 di 1
 


NascondiQuesto argomento è stato utile?
Condividi Argomento
Segnala via email Facebook Twitter Windows Live Favorites MySpace del.icio.us Digg SlashDot google.com LinkedIn StumbleUpon Blogmarks Diigo reddit.com Blinklist co.mments.com
technorati.com DIGG ITA linkagogo.com meneame.net netscape.com newsvine.com yahoo.com Fai Informazione Ok Notizie Segnalo Bookmark IT fark.com feedmelinks.com spurl.net
Inserisci un link per questo argomento
URL
BBCode
HTML
 




 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files
Non puoi scaricare gli allegati
Non puoi inserire eventi calendario