Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login


Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione 
Pagina 3 di 5
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Successivo
 
LE CORDE MIGLIORI
Autore Messaggio
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
OnzoG-onzo ha scritto: [Visualizza Messaggio]
, però vedo che l'acciaio va sempre alla grande sui palchi importanti


In realtà mi sembra l'opposto, anzi vedo ancora di più che chi in passato usava le lisce usa totalmente le nickel.

Ad esempio alcuni: Gene Simmons, Tommy Shannon, Gary Willis, John Myung, Sting, Victor Wooten, Justin Street (bassista degli Airbourne, me lo disse proprio lui quando suonò all'Orion a Ciampino, vicino Roma), George Porter Jr.

Le d'addario sembrano le più utilizzate.

Ovvio, si usa di tutto, ma anche io avendone provate tante noto che le nickel hanno più versatilità sonora e sono anche meno faticose da suonare, ipotizzo che i professionisti a certi livelli possano valutare anche questo.
 




Io uso: plettro e dita
 
Ultima modifica di darry il Mer 30 Gen, 2019 10:06, modificato 2 volte in totale 
darry Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Sicuro di aver cercato bene?

Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
Pier_ ha scritto:  
dipende sempre da cosa intendiamo a livello di suono.
se io prendo una corda in acciaio come una Hi Beam, che nuova mi suona estremamente metallica e dopo una serata suona come se fosse un cavo di plastica, è un problema di chimica, legato alla parte "magnetica" della corda.
le Rotosound a me sono sempre durate molto con la brillantezza iniziale, anni fa uccidevo le Ernie Ball in due settimane, ora ci posso fare otto mesi senza che perdano granchè.
il modo di suonare incide molto, perchè la corda è comunque un filo d'acciaio che viene fatto vibrare, e tra polvere, agenti atmosferici vari e sollecitazione si rovina: io che le corde le picchio moltissimo contro i tasti, le strappo con veemenza e spesso faccio bending aggressivi posso farle durare pochissimo rispetto magari a chi le suona delicatissimo.


Siamo d'accordo su qualcosa insomma; ci sono corde che oggettivamente decadono malamente e molto velocemente. Le vecchie E.B. erano ridicole ad esempio (e quanto se la tiravano i mercanti!).
Resta il mistero Rotosound, ma c'è anche un fattore di forte discontinuità qualitativa, secondo me...
Le Hi-Beam, la prima volta che le ho provate mi hanno posto un interrogativo in testa; "Perché la DR non ha ancora chiuso i battenti?", e -per me- se non fosse stato per le Lo-Rider la domanda sarebbe ancora senza una risposta.

Pier_ ha scritto:  
...se ho una corda che oggi vibra libera e felice, con tanto sustain, e domani sembra intrisa di grasso, non è un dato oggettivo di gusto.
se invece si perde solo il "suono iniziale" in poco tempo, sì, quello secondo me è oggettivo: le GHS Boomers sono corde pensate per NON essere brillanti e per avere un suono molto caldo e spinto sulle mediobasse... poi le usa Flea cambiandole ad ogni canzone, e la gente si aspetta il suono che hanno appena montate, che in due ore non c'è più.
però sono poi corde che, con quel suono "rodato", durano tantissimo (almeno nella mia esperienza), lo mantengono bene e non suonano mai morte/stoppate, se curate.


Nel corsivo forse intendevi il contrario?
Comunque (in caso di decadenza coerente col suono iniziale) è una faccenda che oltre alla soggettività del musicista, ripeto, comprende il "soggetto basso" in uso.
Come detto anche da te, ci sono corde che (oggettivamente) si sfaldano sotto mano, e stop, altre che a seconda di quello che si usa e/o che si vuole fanno il loro corso con dignità e credo di poter dire che queste sono le corde costruite con materiali di qualità buona/alta/eccellente.

Citazione:
"però vedo che l'acciaio va sempre alla grande sui palchi importanti"
tipo? io vedo più spesso il nickel...


Su questo non mi sbilancio, di qualcuno so ma non essendo assolutamente uno che segue e si informa sul cosa usano i professionisti non posso permettermi di fare una statistica, con me seguo il mio istinto e le mie orecchie.
A me l'acciaio da' più soddisfazione, mi da quel "crunch" sulle alte e quelle fondamentali che unite scavano un po' e devo dire che qualche problema ci può anche essere, ma nulla che non si risolva nell'insieme. Per uno cresciuto negli anni '80 poi...  
Forse un giorno farò una prova su uno dei bassi, magari sul Ric o sul P. Così, per rinverdire la memoria.
Dammi qualche consiglio adatto ad uno che pesta con le dita sulle corde d'acciaio, che magari al prossimo tagliandone ci faccio un pensierino...  
 




Io uso: solo le dita

____________________
Non esiste il suono buono per il bassista che non sa cosa suonare
(Seneca)

play bass or die trying

Ho la tastira rtta...
 
Ultima modifica di OnzoG-onzo il Mer 30 Gen, 2019 23:14, modificato 2 volte in totale 
OnzoG-onzo Invia Messaggio Privato Invia Email
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
Citazione:
Nel corsivo forse intendevi il contrario? Comunque è una faccenda che oltre alla soggettività del musicista, ripeto, comprende il "soggetto basso" in uso.


no, mi sa che ci siamo capiti male:

secondo me c'è un problema di fondo, ossia il fatto che molta gente si aspetta dalle corde nuove, indipendentemente dal materiale, da come sono pubblicizzate e tutto, un suono di un certo tipo che secondo loro dovrebbe durare all'infinito.

se compro corde nickel tipo le GHS Boomers, che la ditta mi pubblicizza come "warm", e dopo due giorni perdono la brillantezza iniziale e suonano "calde" e "morbide", dovrei essere ben contento.

se invece penso "da nuove suonano brillanti e devono continuare a farlo!" sto comprando le corde sbagliate, perchè la stessa ditta mi dice che NON lo fanno.

qua si crea il mito della durata di certe corde perché ci si aspetta qualcosa che non viene proposto.

se invece io personalmente uso una certa corda e dopo poco tempo diventa insuonabile, cioè perde intonazione, vibra male, suona stoppata, il materiale del rivestimento si rovina e perde volume di uscita/magnetismo, allora il problema non è delle corde, ma evidentemente è relativo al rapporto con il mio sudore, le condizioni igrometriche dove suono e quant'altro.

io le GHS, con il suono "da usate", le posso usare mesi, suonano bene, il Mi suona chiaro e vibra bene, non perdono volume di uscita nè precisione dell'intonazione.

con le DR invece ci faccio una serata e poi mi sembra di suonare un basso abbandonato da anni.

è un dato oggettivo, non è questione di gusto, di come invecchia e tutto, ma di come la "mia chimica" le uccide.
 




Io uso: plettro e dita

____________________
www.Megabass.it - Megabass - Il Sito
http://forum.megabass.it/
http://wiki.megabass.it/

Pier's Gear:


- Gibson SG Bass 2010 Faded Cherry
- Gibson SG Bass 2013 Faded Black
- Gibson The Ripper 1978 Natural
- Ibanez SR1206 Premium
- Ibanez GSRM20 Mikro Bass
- Harley Benton JB75SB
- Markbass CMD 121h
- Tabacco Cables
- Korg Pitchblack


gugu ha scritto: 
uuuh... non vedo l'ora di vedere scritto "si chiude" con più di otto lettere!!!
 
Pier_ Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
Aspè avatar Pier_, non per essere pignolino e pedante ma
"se ho una corda che oggi vibra libera e felice e domani sembra intrisa di grasso, non è un dato oggettivo di gusto."
Quindi soggettivo...
Lo so, sono un emerito piombo di fondale.
 




Io uso: solo le dita

____________________
Non esiste il suono buono per il bassista che non sa cosa suonare
(Seneca)

play bass or die trying

Ho la tastira rtta...
 
OnzoG-onzo Invia Messaggio Privato Invia Email
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
Pier_ ha scritto: [Visualizza Messaggio]
con le DR invece ci faccio una serata e poi mi sembra di suonare un basso abbandonato da anni.


Sarà... io faccio il bassista di professione (diciamo che ci campo per fortuna), faccio palchi, teatri e locali e suono in media 3 volte a settimana, senza tenere conto di prove quotidiane (a volte anche 3 al giorno), sessioni di registrazione e ore di insegnamento a scuola. I miei set di DR hi-beam durano dai 6 ai 9 mesi e non trovo alcun problema a suonare con corde morbide. Sarai sfigato, che devo dirti.
 




Io uso: plettro e dita

____________________
ric_logo_s ampeg_logo
 
Ultima modifica di marcinkus il Gio 31 Gen, 2019 14:22, modificato 1 volta in totale 
marcinkus Invia Messaggio Privato Invia Email
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
Anche io uso le DR, però le Sunbeam Nickel, tra l'altro sono veramente morbide e l'ho scelte proprio per questo, e la durata è esattamente la stessa di avatar marcinkus, 9 mesi per lo meno.
L'unico neo per me è il prezzo.
 




Io uso: plettro e dita
 
lelu39 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
Io pur essendo un dilettante suono un paio di ore tutti i giorni, con punte di 4 ore di sabato e domenica. Io non faccio testo perchè continuo a cambiare marca, sempre round e sempre nickel,  ma il suono che esce è stranamente molto simile fra un cambio e l’altro. Non mi sudano mai le mani, neanche nel deserto del Mojave e le lavo sempre prima di suonare. A me corde che durano meno di 6 mesi, prima di essere inascoltabili, non sono ancora capitate. Sulla tensione e sulla destra a me capita il contrario, più sono tese più mi stanco. Io ho un tocco leggerissimo, con le dovute proporzioni, alla Berlin.
 




Io uso: solo le dita
 
Alexce69 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
Anche a me le Hi-Beam durarono decentemente, però non mi piacquero assolutamente. Ma se tanta gente le usa avrò sbagliato io lo strumento su cui montarle, o nutrivo aspettative diverse.
Discorso tensione e mano destra; anche io mi stanco meno se posso permettermi di alzare la dinamica pestando molto. Se la corda ha un range limitato la mano sta più in tensione, effettivamente non ho una grandissima sensibilità. Però pesto tanto! Mentre l'elasticità, quando abbinata ad una tensione per me giusta, è un fattore gradito.
 




Io uso: solo le dita

____________________
Non esiste il suono buono per il bassista che non sa cosa suonare
(Seneca)

play bass or die trying

Ho la tastira rtta...
 
OnzoG-onzo Invia Messaggio Privato Invia Email
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
avatar marcinkus, ma infatti, buono per chi le usa, io queste tempistiche le faccio con altre corde, e prediligo quelle.

è proprio qua il discorso della chimica: a me le DR durano una serata, altre corde durano sei mesi, quindi prediligo quelle che mi durano sei mesi  

Citazione:
Sarai sfigato, che devo dirti.


perdonami ma... chi t'ha chiesto niente? nel senso, io ho citato le mie esperienze con DR, che ho usato spesso proprio per gusto, ma che purtroppo mi creano dei problemi che potrebbero esistere anche in altre persone, e su un Forum mi sembra doveroso citarle.

non riesco mai a capire questo genere di attaccamento ai marchi... se uno parla male di qualcosa che ci piace apriti cielo! bisogna difendere a spada tratta quel prodotto, nemmeno ci pagassero  

nessuno ha detto "non comprare le DR che fanno schifo!", bensì "occhio, la durata non è un dato oggettivo".

così come non è detto che l'anima tonda sia la scelta giusta nella ricerca di corde meno tese, perchè c'è differenza di risposta.

c'è chi ci si trova, chi non ci si trova, che male c'è?

perchè deve esser un "sarai sfigato tu?" e non "sono esperienze diverse che vanno fatte personalmente per valutare?"

 

avatar OnzoG-onzo, la mia frase era corretta  

"la corda invecchia in un certo modo?" è un dato oggettivo; "mi piace come invecchia?" è gusto

"la corda muore che non suona proprio" è un dato oggettivo e prescinde dal gusto.

l'invecchiamento è quello che accade in condizioni normali, ed è in genere il motivo per cui scegliamo certe corde rispetto ad altre, come chessò, le Rotosound che diventano mediosissime o le GHS che diventano molto forti sulle basse e mediobasse.

la morte dipende dalla chimica, da come reagisce il materiale della corda (o meglio dell'avvolgimento) con il sudore, l'umidità, l'ambiente...

ci sono persone con un sudore molto acido, ci sono persone che lasciano più residui di sporco sugli strumenti...

non mi sembra nulla di nuovo, è roba che si vede nel quotidiano con qualsiasi oggetto.

guai però a toccare le corde preferite  
 




Io uso: plettro e dita

____________________
www.Megabass.it - Megabass - Il Sito
http://forum.megabass.it/
http://wiki.megabass.it/

Pier's Gear:


- Gibson SG Bass 2010 Faded Cherry
- Gibson SG Bass 2013 Faded Black
- Gibson The Ripper 1978 Natural
- Ibanez SR1206 Premium
- Ibanez GSRM20 Mikro Bass
- Harley Benton JB75SB
- Markbass CMD 121h
- Tabacco Cables
- Korg Pitchblack


gugu ha scritto: 
uuuh... non vedo l'ora di vedere scritto "si chiude" con più di otto lettere!!!
 
Pier_ Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
Mega OT: avatar Pier_, andiamo a discuterne sul Forum della grammatica italiana se vuoi, ma un dato "oggettivo, di gusto" non si è mai visto. Il fattore gusto genera dati soggettivi!
Quindi una corda che fa così schifo da sembrare intrisa di olio motore fa oggettivamente schifo. Quindi è un dato oggettivo e non di gusto
Ecco... Adesso dimmi pure che sono un pedante della stramì e ti dò perfettamente ragione.
Cheers...
 




Io uso: solo le dita

____________________
Non esiste il suono buono per il bassista che non sa cosa suonare
(Seneca)

play bass or die trying

Ho la tastira rtta...
 
OnzoG-onzo Invia Messaggio Privato Invia Email
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
avatar Pier_, in realtà è il contrario... sei tu che stai facendo la crociata contro un marchio di corde dopo averne decantato per mesi le qualità. Non ci son piaciute? Hai cambiato idea? A posto così, ma non ce la smazzare troppo. Dopo duecento volte che dici che sembrano elastici hai anche un po' rotto... non sei mica la Ferragni  
A me fanno piuttosto pena le GHS invece, dure, con acuti taglienti, muoiono dopo pochissimi giorni anche se io non ho sudore acido o altro. Ma non è che mi metto a fare la guerra a quel marchio, ci sarà gente (poca) a cui invece fanno impazzire. Amen.
 




Io uso: plettro e dita

____________________
ric_logo_s ampeg_logo
 
Ultima modifica di marcinkus il Ven 01 Feb, 2019 02:40, modificato 1 volta in totale 
marcinkus Invia Messaggio Privato Invia Email
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
Io usavo le DR legend sui Gibson SG, davvero ottime. Ma ho usato le DR Hi-beam anche sul Rick, ottime anche lì e mi duravano parecchio.

Sono tornato alle originali Rickenbacker solo perché mi piacciono di più.

Comunque le DR mi sono sembrate ottime corde, con un bel suono caldo e durevoli.

Personalmente ho preferito sempre le d'addario exl165 alle GHS, che provai una volta, tolte subito in quanto erano decisamente troppo dure per me.
 




Io uso: plettro e dita
 
Ultima modifica di darry il Ven 01 Feb, 2019 06:49, modificato 2 volte in totale 
darry Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
Appena possibile proverò le Sansone con scalatura 48-108 che mi incuriosisce parecchio o con la mia solita 50-110..vedremo un po’  
 




Io uso: solo le dita
 
TheWall79 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
Io da oltre un anno ho abbandonato le DR e sono passato alle Sansone (acciaio).
Le DR sui miei bassi (Stingray e Sterling) sono sempre risultate tra le migliori scelte possibili e, almeno sotto le mie mani, anche abbastanza longeve ... di certo più delle Sansone. Come suono le trovo molto simili e nonostante la durata inferiore, alla distanza le Sansone risultano essere assai più convenienti.

Le DR perdono la brillantezza iniziale in modo repentino (e c'è chi lo considera un plus+) e altrettanto rapidamente decadono a fine vita (... e se lo percepisce anche un orecchio ottuso come il mio ...). Quando ci si avvicina al momento del crollo delle prestazioni, le DR più grosse iniziano a impastare parecchio mentre Re e Sol perdono di volume. Le Sansone IMHO sono meno repentine in questi cambiamenti: le trovo più lineari durante tutto l'arco di vita (ancorché più breve) e se a questo si aggiunge che posso permettermi di cambiarle più spesso, ecco che la convenienza diventa consistente.

Le GHS le ho usate solo sul Jabba perchè il basso di suo era molto freddo e ricco di medie (quasi tagliente) e le GHS servivano per ottenere un migliore bilanciamento dei suoni.
Le Ernie Ball e le D'Addario che ho provato fino ad oggi non mi hanno mai convinto. Non ho mai provato Rotosound ma se devo essere sincero non ne sento il bisogno.
 




Io uso: plettro e dita

____________________
E' assolutamente vietato prendersi troppo sul serio
 
Ultima modifica di Maxer il Ven 01 Feb, 2019 16:00, modificato 1 volta in totale 
Maxer Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
Allargo un attimo il discorso perché ho una curiosità da soddisfare: ma è il mercato fiorentino ad essere così o anche nelle vostre città si trovano praticamente solo corde nickel?
Prima di venire a lavorare son passato in una zona in cui capito di rado ed ho visto un negozio specializzato in corde e accessori per chitarra e basso di cui ignoravo l'esistenza: pure lì di acciaio praticamente nulla (le Warwick Red che va be', lasciamo perdere, poi le Dogal Carbonsteel e le Rotosound Swing in un'unica scalatura). Gli ho chiesto le DR Hi Beam e mi ha detto di averle prese all'apertura ed essere riuscito a venderne sei mute in tre anni.
Nel resto della città è anche peggio.
Levatemi questa curiosità, va così anche altrove?
 




Io uso: plettro e dita
 
Fu-V Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
avatar Fu-V, da Lenzotti a Modena si trovano, da 2 corde a Piacenza anche, Futura Music a Formigine. Poi Vittorio, siamo nell’era di Amazon, Thomann e compagnia cantante. Se vuoi ne ho un paio di mute usate poco, con un giusto prezzo, circa 20 centesimi meno del nuovo, sono tue..
 




Io uso: solo le dita
 
Alexce69 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
^^^
Ti va di scambiarle con dei plettri usati solo in casa e un cavo jack che, una volta risaldato, è come nuovo?
Scherzi a parte, sì, le ordinerò da Thomann ovviamente, il mio è stato un pretesto per dare un'occhiata al negozio... però la cosa mi stranisce da sempre.
 




Io uso: plettro e dita
 
Fu-V Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
avatar Fu-V, se ti capita di passare da Arezzo, da Vieri Niccolini hanno una bella fornitura proprio di DR. Almeno l’ultima volta che ci sono stato le avevano, cioè a ottobre.
 




Io uso: plettro e dita
 
lelu39 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
Ora uso solo più flat (thomastik), ma le DR secondo me son delle gran belle corde e le ho usate per anni.
 




Io uso: plettro e dita

____________________
Il mio stile vecchio come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore
 
Ultima modifica di spontbass il Gio 07 Feb, 2019 16:16, modificato 1 volta in totale 
spontbass Invia Messaggio Privato Invia Email
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
avatar spontbass, da anni sono curioso di sentire le flat DR, ma non ho così tanti bassi a disposizione...
 




Io uso: solo le dita

____________________
Non esiste il suono buono per il bassista che non sa cosa suonare
(Seneca)

play bass or die trying

Ho la tastira rtta...
 
OnzoG-onzo Invia Messaggio Privato Invia Email
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
La morbidezza delle DR hi beams e' davvero cosi' evidente rispetto ad esempio alle ernie ball (a parita' di caratteristiche)?
Sono in cerca di corde chi siano molto morbide.
Grazie
 




 
theripper76 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
avatar theripper76,
Avevo delle ernie ball 45-100 in nickel su un basso che ho appena venduto e ti posso confermare che DR hi beam che ho su un altro basso sono più morbide e piacevoli al tatto, almeno per me è così. Inoltre le hi beam non sono per niente ruvide come le altre corde in acciaio che ho provato. Anche a me durano parecchio e sono senza dubbio le mie corde preferite e le monto sul basso che uso di più, sugli altri monto le d’addario In nickel, 45-100 o 45-105, che erano le mie preferite prima di scoprire le DR.
 




Io uso: plettro e dita

____________________
Certe canzoni vanno accompagnate, altre bisogna spingerle!!! \m/ \m/
 
Yorick Rose Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
theripper76 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
La morbidezza delle DR hi beams e' davvero cosi' evidente rispetto ad esempio alle ernie ball (a parita' di caratteristiche)?
Sono in cerca di corde chi siano molto morbide.
Grazie

thomastik round potrebbe essere la risposta esatta
 




Io uso: plettro e dita

____________________
Il mio stile vecchio come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore
 
spontbass Invia Messaggio Privato Invia Email
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
Più che una marca in generale (viste anche le enormi differenze di prezzo...) e tipologie chiedo al di là degli aspetti visivi quali sono i sintomi del decadimento di una corda, visto che a molti durano anni, a qualcuno un nulla, vorrei capire se c'è un decadimento oggettivo misurabile ad orecchio che ci faccia intuire che la corda è stanca...
 




Io uso: solo le dita
 
gigetto2 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: LE CORDE MIGLIORI 
 
avatar gigetto2,

Se parliamo di corde ruvide in acciaio il decadimento lo senti di più, il suono perde di brillantezza e la nota perde di sustain e le devi accordare più spesso.

Lo stesso accade per le nickel, ma essendo meno brillanti, danno la sensazione che durino di più.

Per le lisce il discorso cambia parecchio, avendo la caratteristica di avere un suono tutt'altro che brillante, il suo decadimento è molto più lungo e più che il suono (c'erano professionisti che non le cambiavano mai, a meno di rotture), decade la struttura fisica della corda, che essendo una lega d'acciaio, dopo anni di percussioni, tiraggi per accordare, il metallo va in snervamento e perde elasticità, ed il suono diventa ancora più cupo.
 




Io uso: plettro e dita
 
Ultima modifica di darry il Sab 13 Apr, 2019 10:35, modificato 1 volta in totale 
darry Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:    
 

Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Pagina 3 di 5
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Successivo


NascondiQuesto argomento è stato utile?
Condividi Argomento
Segnala via email Facebook Twitter Windows Live Favorites MySpace del.icio.us Digg SlashDot google.com LinkedIn StumbleUpon Blogmarks Diigo reddit.com Blinklist co.mments.com
technorati.com DIGG ITA linkagogo.com meneame.net netscape.com newsvine.com yahoo.com Fai Informazione Ok Notizie Segnalo Bookmark IT fark.com feedmelinks.com spurl.net
Inserisci un link per questo argomento
URL
BBCode
HTML
 
NascondiArgomenti Simili
Argomento Autore Forum Risposte Ultimo Messaggio
Quest'Argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i Messaggi. Comprare Bassi In The U.S.A. [migliori Si... trafunkybass Bassi&Co. 37 Lun 12 Nov, 2007 23:21 Leggi gli ultimi Messaggi
Fagyo
No Nuovi Messaggi Le migliori colle sul mercato... Gianni BassBuilding© 5 Ven 08 Feb, 2008 21:07 Leggi gli ultimi Messaggi
contra
No Nuovi Messaggi SPECTOR 5 corde USA caliendop3 Bassi&Co. 17 Gio 02 Lug, 2009 00:49 Leggi gli ultimi Messaggi
BelvaN
No Nuovi Messaggi Montaggio corde maribyredivivus Mari By Redivivus 29 Lun 14 Apr, 2014 14:49 Leggi gli ultimi Messaggi
IlPier
No Nuovi Messaggi La tensione delle corde... Gianni Bassi&Co. 17 Mer 22 Mag, 2019 10:14 Leggi gli ultimi Messaggi
Gianco
 




 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files
Non puoi scaricare gli allegati
Non puoi inserire eventi calendario