Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login


Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione 
Pagina 6 di 7
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Successivo
 
Problemi Di Gestione Della Band
Autore Messaggio
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
avatar Near,

Near, sono d'accordo con il tuo ragionamento in linea di massima, il problema è che nel pub con 30 posti molte volte pretendono che tu abbia lo stesso suono di vasco a san siro, con un volume adeguato alla conversazione dei clienti, non occupando spazio, e con pagamento massimo una birra e una pizza; e se c'è qualche imperfezione la pizza e la birra me la paghi.

Caspisco che una band deve sperimentare anche dal punto di vista del setup (per questo io ho fatto un mini corso di fonico), ma se uno è effettivamente inesperto il risultato è uno schifo (e il locale di sicuro non ne guadagna).

Per me un locale che vuole proporre live deve avere almeno una sua minima strumentazione (come hai detto non è un investimento milionario) e dare un rimborso ai musicisti
 




 
zorro82 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Sicuro di aver cercato bene?

Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
Di storie di gestori che pretendono la luna con due lire bucate purtroppo ne è pieno il mondo, è successo anche a me.
Personalmente suonavo gratis o per la pizza e la birra a 15 anni, a 20 no. Non perchè io sia Tony Levin ma è una questione di rispetto.

A meno di non essere una band di scappati di casa per presentarsi dignitosamente ad un live un gruppo passa mediamente una mole di ore in sala prove non indifferente, a questa sommiamoci la preparazione a casa dei pezzi. Sono ore di impegno e di sudore, specie se ho dovuto imparare un brano che mi ha dato delle difficoltà ed ho dovuto sbattermi per renderlo al meglio. Tutto ciò va pagato.

I gestori da pizza e birra vanno boicottati in blocco. Solo così possiamo dare dignità alla categoria. Qui entriamo in un discorso minato e purtroppo spesso la causa di questo degrado sono gli amatori dello strumento. Smaniosi di esibirsi accettano di farlo per due lire o peggio gratis. Risultato, loro non vengono minimamente rispettati nel loro lavoro, chi lo fa come professione si vede rubato il mercato da chi magari è meno capace ma non pretende nulla. Al gestore somaro di turno basta che qualcuno armeggi con degli strumenti.

Per fortuna la situazione non è sempre così e sbattendosi un pò si possono trovare locali che invece pagano. Non ti daranno l'America ma qualcosa te la danno. Bisogna essere disposti a spostarsi molto e magari dormire poco.

Il risultato da schifo per un eventuale live di inesperti è il prezzo che il gestore deve pagare. Sto chiamando una band di persone che non lo fanno come professione? A mio rischio e pericolo. La band deve farsi le ossa e passare da vari battesimi di fuoco per orientarsi decentemente sul palco. E fornire un fonico che è un servizio ad uno spettacolo dove non vengo pagato o prendo una miseria non esiste.  Si ha quel che si paga e se paghi zero non puoi lamentarti del risultato se è zero.

Poi vabbè, ho visto gestori che hanno affidato la programmazione a miei amici ed hanno rifiutato di far venire a suonare gente che suona con Madonna per 500 euro dicendo "non si va sopra i 250", quindi ne ho viste di cotte e di crude in questo ambiente.
 




 
Near Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
Anche io ne ho viste di tutti i colori, tra cui fantastica la volta in cui ci rinfacciarono di aver alzato i volumi senza aver toccato nulla su amplificatori e/o mixer; sarà stata la fatina dei denti!!ahahha

Il punto centrale a mio avviso è il non riuscire a fare "cartello" nel senso che, se tutti (e intendo davvero tutti) chiedessero almeno un rimborso per la propria professionalità (tanta o poca che sia) anche i gestori dei locali sarebbero più accorti e darebbero più valore anche all'impegno che c'è dietro.

Ad esempio un noto locale della mia zona (e parlo di un locale impostato al 90% sulla musica live) ha adottato la politica di far suonare solo a pizza e birra e così facendo non solo la qualità dei live è calata drasticamente, ma anche la clientela!
 




 
zorro82 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
Comunque, a parte tutte le argomentazioni, la "gente" non si accorge che basso suoni o che cosa è il basso, per essere ottimisti, ma per mia piccola esperienza, le orecchie ce l'ha.
I locali che propongono musica di qualità, qui a Roma, soprattutto cover, ci sono, sono pochi, ma erano sempre pieni; e soprattutto pagano.

Il problema è sempre lo stesso; ribadisco che è giusto farsi pagare, ma devi proporre pure musica che la gente vuole ascoltare.

Quando suonavo musica "ballabile", rock 'n roll, rockabilly, cover del beat italiano anni 60; il locale era quasi sempre pieno; l'impegno ce lo mettevamo e i pezzi si studiavano nel dettaglio ed avevamo anche il mixer, quando era necessario; e pretendevamo il pagamento della serata.

Quando suonavo blues puro, in trio, ed era quello che mi piaceva do più; ed il chitarrista era pure un pro, era grasso che cola se facevi 20 persone e riuscivi a trovare serate, con tutti gli agganci possibili.

Il chitarrista dopo due anni si è stufato e si è chiuso in sala di registrazione; non accettava (giustamente) compromessi, voleva suonare quello che gli piaceva all'infuori del suo "lavoro".

Chi ci rimette, spesso, è anche il dilettante; il pro l'alternativa ce l'ha, in quanto è anche il suo lavoro; sono io che spendo un botto di soldi per lezioni, prove, strumenti, ecc., che non ce l'ho, ed è giusto, in parte, il mio è un hobby. Ma dire che la colpa è pure degli amatori è un po' troppo.

Io, se non sono in grado di fare quattro accordi, sul palco neanche avrei il coraggio di avvicinarmi.
 




Io uso: plettro e dita
 
Ultima modifica di darry il Mer 25 Nov, 2020 13:10, modificato 2 volte in totale 
darry Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
Un professionista non sempre ha delle alternative. Ci sono i Marcus Miller ed i pinco pallino di turno. Tra questi due estremi c'è una grande fetta di musicisti che vanno dal professionista valido e versatile a quello che si arrangia come può, come succede in tutti i lavori.

Ci sono professionisti che vivono principalmente di attività live nei pub. Alcuni di questi hanno avuto la fortuna di inserirsi in circuiti più proficui (i matrimoni, dove pagano bene) e quindi poco importa, possono fare una cernita nei locali dove suonano. Altri non hanno avuto questa fortuna perchè si occupano solo di determinati tipi di musica e non hanno la versatilità o la volontà di suonare un brano di Mariah Carey ad un matrimonio o semplicemente non si trovano nell'agenzia giusta.

I musicisti che utilizzano le proprie associazioni e quindi partecipano a bandi per suonare in Italia ed all'estero pure possono permettersi di fare una cernita. Idem per chi suona con artisti importanti oppure è un musicsta forte e riconosciuto ovunque.Non tutti però hanno un'associazione con partita iva ed il giusto storico contributivo per accedere a questi bandi.

Non tutti i musicisti possono insegnare in scuole pubbliche (le uniche che danno uno stipendio fisso sicuro) e le scuole private non sono sempre una soluzione, specie se hai concorrenza di molte altre scuole.

Quindi, c'è un numero di musicisti che hanno come principale fonte di reddito i live nei pub e nei locali. E moltil di questi non sono degli sfigati perchè non rientrano nelle categorie che ho citato sopra. E' gente preparata che suona bene molto spesso. Ma più di una volta si vedono costretti a contrattare cachet al ribasso a causa degli amatori. Personalmente quando suona un gruppo di amatori per quanto siano studiati me ne accorgo. Non li colpevolizzo. Anche loro hanno bisogno di esprimersi. Il bello della musica è il suo essere un linguaggio alla portata di tutti. Ma se questi amatori vengono a rovinare un mercato già problematico vendendo a prezzi irrisori le loro performance il problema sussite.

Sussite perchè purtroppo così funziona la logica dei locali. Loro prendono poco perchè fanno i geometri, gli idraulici, i cardiochirurghi, gli astronauti. Se gli dai 30 euro per divertirsi e gli offri pure una pizza a loro va benissimo. Con 10 euro ci pagano la benzina se il concerto è fuori porta, con i 20 euro rimasti si comprano un libro o un videogames. Tanto, fanno un altro lavoro.

Il professionista non può purtroppo metterla sul piano " Il gestore paga poco ed avrà poco, se vuole qualità chiama me". Questo perchè la mentalità del commerciante è la peggiore che esista. Chi sa mercanteggiare come un commerciante? Ad un'attività interessano gli affari, credo sia sacrosanto. Non a tutti interessa la qualità di uno spettacolo dal vivo. Spesso serve un sottofondo musicale. E se la band di amatori suona brani alla portata e fa bene il compitino può portare a casa un'esibizione che raggiunge lo scopo e fa risparmiare soldi al gestore.

Sul cachet delle serate e sulla soglia essenziale ad una dignità del lavoro svolto direi che varia da regione a regione. Io sono pugliese e qui la vita costa meno che a Milano ovviamente. Ma se vengo a suonare in Basilicata e mi dai 50 euro mi stai mettendo in grossa difficoltà. Già di mio pago la benzina per venire lì. E purtroppo a volte le 50 euro sono una chimera in molti locali. E' chiaro che mi servano almeno 70/80 euro per poter recuperare le spese della benzina e prendere una 50 euro pulita. Chiaramente ciò è una miseria. Ed ecco che torniamo all'opzione di sopra, i matrimoni. Ma non tutti suonano ai matrimoni. Non tutti suonano nei teatri e sopratutto non tutti hanno la possibilità di studiare, migliorarsi e perfezionarsi continuamente come è richiesto in questo campo perchè è un processo che occupa molto tempo e magari devi cercare di guadagnarti un pò di pane.

I dilettanti non fanno ciò che fanno con cattiveria, vogliono suonare perchè suonare è bello. Ma su un campione di 100 musicisti ce ne sono tanti che vanno in affanno a causa di queste dinamiche.
 




 
Ultima modifica di Near il Mer 25 Nov, 2020 22:30, modificato 1 volta in totale 
Near Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
avatar Near, Secondo me c’è un problema di fondo. Non esiste un diritto divino all’esercizio di una professione, a maggior ragione se la professione che si vuole svolgere è l’esercizio della propria passione, suonando nei locali che vuoi tu, il genere che più ti piace, al prezzo deciso da te. Hai citato i matrimoni, dove esistono band specializzate, “ pianobaristi” preparati, che non hanno problemi perchè svolgono un lavoro che non è libero. Hanno dei repertori precisi, devono far ballare ed esaudire richieste che possono andare dai Deep Purple ad Al Rangone. Questa discussione si è trasformata nell’antica questione professionista\ dilettante, che non ha una soluzione. Io non vorrei mai trasformare mai più  la mia passione in un lavoro, semplicemente perchè quando l’ho fatto, dopo pochi mesi stavo per buttare via il basso. Facevo 12 date al mese alle dipendenze di un capo-orchestra, che giustamente pretendeva che suonassi ogni partitura dei suoi arrangiamenti, prendevo 75000  lire a data, che per un orchestra di liscio “minore” erano soldi, nel 92. Io penso che ad oggi, se un professionista è introdotto in quel settore, problemi ne abbia pochi. Come chi è introdotto nel circuito “Crociere”. Ma in tutti questi casi si tratta di un lavoro faticoso, poco attraente, equiparabile a qualsiasi professione. In quei  casi non vedo frotte di amatori accapigliarsi per offrirsi “aggrattese” o per il panino. Vuoi perchè suonare “ piccolo fiore” e “suona chitarra” non è attraente, vuoi perchè , per suonare in quei contesti, è richiesta una preparazione da professionista con i controcazzi, che costa fatica e impegno.
Io punto il dito contro i locali e contro un sistema che permette a questi ultimi di commettere reati, non al dilettante che si offre a prezzi stracciati, perchè ha lo stesso diritto a proporsi di un professionista. Qual’è l’assunto che stabilisce che solo uno che lo fa per lavoro può esibirsi in pubblico ? Piuttosto dovrebbe essere il “sistema” che regolamenta in modo chiaro che chiunque offra un servizio che produce reddito a chi ne usufruisce, non possa farlo gratis senza pagare le tasse. Si potrebbe obbiettare che c’è già una legge in merito, sebbene le zone d’ombra siano tante. Quindi di chi è la colpa ? Se suonare la musica che ti piace è diventato un lavoro poco redditizio o accetti di continuare a farlo guadagnando poco o cambi mestiere, come fa un qualsiasi artigiano. Oppure puoi riconvertire, come uno che prima vendeva magliette e che ora vende mascherine. È una questione a cui secondo me, non ci può essere una soluzione che non sia drastica. Il problema è che tutte le soluzioni drastiche calpestano una delle due parti.
Bel casino..
 




Io uso: solo le dita

____________________
I used to think I was indecisive, but now I'm not so sure.
 
Ultima modifica di Alexce69 il Gio 26 Nov, 2020 10:04, modificato 1 volta in totale 
Alexce69 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
avatar Alexce69, tutto giusto, nessuno può vietare ad un amatore di proporsi a prezzi stracciati se non il sistema, non sono d’accordo però con chi non solo difende questa pratica ma ha anche la presunzione di voler insegnare agli altri come si faccia o meno il professionista. Se ti proponi a prezzi stracciati sei un musicista di merda per tua stessa ammissione e dovresti avere la decenza di stare muto. Difficilmente però il musicista di merda lo capisce.
 




Io uso: plettro e dita
 
Clauzanna Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
avatar Clauzanna, estenderei la definizione oltre al fatto di essere musicista.
 




Io uso: plettro e dita

____________________
Galleria Fotografica ad uso e consumo della Community
Prima di suonare due note, impara a suonarne una. E prima di suonarne una pensa se ha senso suonarla.
Farla semplice è difficile. Farla facile è più difficile. Farla invisibile è la cosa più difficile di tutte.
 
ganesh Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
avatar ganesh, assolutamente, intendo musicista non per quanto riguarda le capacità tecniche ma come figura che frequenta l’ambito musicale.
 




Io uso: plettro e dita
 
Ultima modifica di Clauzanna il Gio 26 Nov, 2020 12:22, modificato 1 volta in totale 
Clauzanna Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
Non che mi aspettassi un tappeto rosso per quanto ho scritto.La comprensione di un testo a monte è una problematica assai comune che però sul Forum mi aspettavo di non incontrare.

Nessuno ha parlato del fatto che gli amatori NON debbano suonare. Vi sfido a dire il contrario. L'organicità dell'esposizione parla chiaro. E non si scappa.

Nessuno ha insegnato la vita a nessuno. Quando parlo di professionisti e di ciò che fanno è chiaramente figlio del mio vissuto e di ciò che vedo. Credo che il riferimento sia a me perchè è inutile dire il contrario. Su questo non ci sbagliamo credo.

Prima di dare della merda indistintamente ad una categoria, anzi ad una sottocategoria di musicisti ci andrei calmo calmo.
Non conosci il vissuto del singolo ed anche se fosse non è condizione sufficiente per giudicare una totalità. La vita personale e le problematiche inerenti sono una questione di una delicatezza estrema. In tre righe Clauzanna generalizza,banalizza, qualunquizza in maniera becera. Non sto dicendo che tu sia stupido, non mi permetterei mai. Ciò che hai scritto però non è un manifesto al buonsenso.

Se mi si contesta quanto detto lo si faccia argomentando e comprendendo a 360 gradi il testo scritto.

Quindi analizzare una situazione per quello che comporta ad una certa sottocategoria e mirare ad una regolamentazione condivisa da tutti sarebbe sbagliato?

Non entriamo poi nel merito del discorso fatto da Alex  che è una cosa del tipo "Se non sei capace fai l'artigiano". Ogni mestiere richiede una mole di tempo per essere appreso. E tu non sei nessuno per poter dire a nessuno cosa fare e come farlo. Magari qualcuno non è capace a fare altro oppure ama ciò che fa e vuole farlo. Non sta a te entrare in queste logiche.

Hai però citato le navi da crociera che sono in effetti un altro tassello del professionismo. E ce ne saranno altri che non ho incontrato nella mia pratica ma che esistono e sono tangibili.

Se qualcuno potesse insegnare a qualcuno come fare il professionista avremmo risolto tutti i nostri problemi. Studio musica da vent'anni e sono un musicista plurititolato e qualificato per una serie di compiti musicali ed ancora mi chiedo tante cose circa la strada da intraprendere per migliorare.

Posso solo dire che banalmente ho appreso tanto da musicisti più altolocati di me (ovviamente) ma anche da gente non di cartello.  E che le merde esistono ovunque, in ogni ambiente ma che etichettare come merda chi vive di prima mano certe problematiche sia aberrante.
 




 
Near Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
avatar Near, c’è un misunderstanding di base, non mi riferivo a quello che hai scritto te (che ho letto di sfuggita sinceramente). Se poi io banalizzo un concetto esteso è perché in questo luogo andare nello specifico è difficile. Quanto è banale e superficiale scrivere “se un professionista si fa rubare il lavoro da un dopolavorista non è un vero professionista”? Utilizzo lo stesso metodo tranchant verso chiunque si approcci in questo modo alla questione, magari quello non è un vero professionista ma te (soggetto in generale) che difendi un certo modo di fare musica live sei un musicista di merda.

P.s. Sono contento che tu non dica che io sono stupido, non c’avrei dormito stanotte
 




Io uso: plettro e dita
 
Ultima modifica di Clauzanna il Gio 26 Nov, 2020 13:36, modificato 1 volta in totale 
Clauzanna Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
Near ha scritto: [Visualizza Messaggio]


Non entriamo poi nel merito del discorso fatto da Alex  che è una cosa del tipo "Se non sei capace fai l'artigiano". Ogni mestiere richiede una mole di tempo per essere appreso. E tu non sei nessuno per poter dire a nessuno cosa fare e come farlo. Magari qualcuno non è capace a fare altro oppure ama ciò che fa e vuole farlo. Non sta a te entrare in queste logiche.


Sai che ho letto e riletto quello che ho scritto, ma non riesco a trovare “se non sei capace fai l’artigiano”?
Partendo dal presupposto che ho risposto a te, ma parlavo in generale, e il mio non era un invito a te , perchè non so nemmeno quale sia la tua professione, ho scritto : se è diventato un lavoro poco redditizio o accetti di farlo guadagnando poco o cambi mestiere, coma fa qualsiasi artigiano. Mi sembra che voglia dire tutt’altra cosa che “se non sei capace fai l’artigiano”.
Sul fatto che io non sia “nessuno” non posso che darti ragione. Veramente non ho capito perchè tu ti sia offeso, e abbia interpretato le mie parole come un attacco.
 




Io uso: solo le dita

____________________
I used to think I was indecisive, but now I'm not so sure.
 
Ultima modifica di Alexce69 il Gio 26 Nov, 2020 14:46, modificato 1 volta in totale 
Alexce69 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
Vorrei porvi un quesito, anche per alleggerire un pò i toni aciduli di questa discussione.
Secondo voi dopo la pandemia ci sarà un rinato interesse nei live anche per ritornare al tempo che fu dimenticandosi della pandemia oppure la musica si veicolerà sempre di più nei canali alternativi che ha trovato e che giocoforza ha dovuto utilizzare?
 




Io uso: solo le dita
 
gigetto2 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
avatar gigetto2, credo che prima dovremo raccogliere i cocci per capire cosa ne sarà poi del live. Adesso per quel che mi riguarda ogni previsione è pura congettura.
 




Io uso: plettro e dita
 
Clauzanna Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
gigetto2 ha scritto: [Visualizza Messaggio]

Secondo voi dopo la pandemia ci sarà un rinato interesse nei live anche per ritornare al tempo che fu dimenticandosi della pandemia


Le riaperture dovranno essere graduali. Immagino poi sempre tavoli distanziati, tutti seduti... ...
Quindi forse è meglio non avere 5 persone extra (i musicisti) nel locale.

Se poi ci sarà chi dovrà recuperare i soldi persi in questo periodo, forse cercherà di evitare la spesa extra della musica. Ovviamente se poi il gruppo fa raddoppiare le presenza in sala, è chiaro che l'investimento si può fare perchè porta soldi.

Ma non mi immagino miglioramenti rispetto a prima. Chi faceva suonare tornerà a far suonare. Chi preferisce il DJ chiamerà il DJ, chi non è interessato alla musica metterà la playlist su spotify ed al posto dei musicisti metterà un tavolo che consuma.
 




Io uso: solo le dita
 
Fenderissimo Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
avatar gigetto2,

Io mi sforzerei nell'essere ottimista, nonostante per carattere non lo sono.
Il periodo è talmente paradossale e frustrante, che mi sta facendo vivere una realtà tecnologica, di relazioni umane, lezioni e laboratori con la mascherina, ecc.,  che trovo assurda e che personalmente non riuscirò mai ad accettare.
Lo smart working è una merda e lo é ancor di più suonare a distanza; me l'hanno chiesto, ho rifiutato, nonostante qualcuno la trovi positiva, io di positivo non ci vedo proprio niente.

La musica dal vivo è un'altra roba, mi da un senso di libertà anche vedendola da spettatore; impossibile per me sostituirla.

Pensa che ho acquistato i biglietti per andare al concerto dei Kiss a Verona, che si dovrebbe fare a luglio 2021. Mi auguro ma credo che non si farà mai, e la cosa mi fa venire una rabbia allucinante. E non è per i soldi già spesi.

Una reazione della gente, in modo graduale, me l'aspetto.
 




Io uso: plettro e dita
 
darry Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
avatar darry,
Quando il 21 Febbraio a Codogno, sono arrivati i vigili con l'ordinanza di chiusura, abbiamo fatto mille congetture. Fino a fine ottobre abbiamo visto un evolversi imprevedibile, che in parte le ha smentite e in parte le ha confermate. Il mondo dopo la pandemia sarà cambiato sicuramente. Preferisco pensare ora che cambierà in meglio. Credo che l’inevitabile ripresa, dopo la caduta,  coinvolga in maniera positiva anche il mondo della musica dal vivo. Non so perchè ma ne sono convinto.
 




Io uso: solo le dita

____________________
I used to think I was indecisive, but now I'm not so sure.
 
Alexce69 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
Alexce69 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Credo che l’inevitabile ripresa, dopo la caduta,  coinvolga in maniera positiva anche il mondo della musica dal vivo. Non so perchè ma ne sono convinto.


Ci sono aspetti positivi e negativi nelle prospettive future.
I negativi sono sotto gli occhi di tutti e verranno incrementati da una inevitabile offerta al ribasso conseguenza di mesi di inattività che sarà peggiorata anche da un inevitabile calo della domanda. I locali sono in crisi, molti hanno già chiuso i battenti e i sopravvissuti avranno altri problemi. I locali che si occupano solo di live sono pochissimi, la maggior parte hanno come attività principale la ristorazione che serve a finanziare gli eventi perchè se non c'è un biglietto di ingresso i gruppi li paghi con gli incassi delle cene. Un ristorante chiuso per mesi non avrà il live come priorità e ho già intercettato su facebook dei gruppi che sponsorizzavano una campagna "suoniamo gratis per aiutare i locali" facendo un danno (anche di immagine) alla categoria che non c'è bisogno di spiegare.

L'aspetto positivo è che sta emergendo un mondo, quello dello spettacolo , finora sconosciuto alle istituzioni che conoscevano solo i grossi eventi, i teatri, le orchestre stabili ecc...ignorando del tutto il mondo degli intermittenti.
C'è già una proposta di legge in parlamento e forse ne arriva un'altra, sono arrivati degli aiuti a chi si è esibito in regola e questo vale anche per quelli che si sono esibili in regola pur avendo un'altro lavoro. Perchè non c'è scritto da nessuna parte che possano suonare solo quelli che vivono solo di musica ma è stato riconosciuto che chi versa i contributi all'Inps ex Enpals anche se fa un altro lavoro, è comunque un lavoratore dello spettacolo. Ovviamente ci sono dei parametri non basta aver un contributo versato ma è comunque un buon inizio.

Si parla in questi giorni di incentivi, defiscalizzazione e di individuazione dei posti di lavoro il che dovrebbe per sempre chiudere la questione "i professionisti suonano in locali diversi dai dilettanti".
 




Io uso: plettro e dita

____________________
a lavare la testa all'asino si perde solo tempo e sapone
 
gozer Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
Riprendo l'argomento, che ho riletto da capo a fondo perché è un problema che ritengo sia sentito.
Ritengo sia sentito perché la maggior parte degli utenti del Forum ritengo sia composto da "dopolavoristi" o appassionati (ci sono anche professionisti ma ritengo siano una minoranza) che però fanno, o hanno fatto prima del COVID o intendono fare quando la situazione sanitari sarà normalizzata, esibizioni in locali commerciali.
Quindi NON parlo delle feste di compleanno degli amici o della beneficenza.
Ho trovato le considerazioni di Gozer estremamente pertinenti e mi piacerebbe che su questo argomento continuasse a illustrarci le novità; si potrebbe aprire un topic specifico.

A questo proposito riporto un link ad un Sito che tratta specificamente del Comma 188.

http://www.musicplus.IT/istruzioni/enpals/esenzione-enpals

Come si vede nel testo, nelle FAQ, l'esenzione ENPALS non esclude gli obblighi fiscali, tanto che vengono riportati il fac-simile della autodichiarazione e il fac-simile del documento (simil fattura/ricevuta) con Ritenuta d'Acconto.
Tale documento deve, è implicito, essere presentato nella dichiarazione di redditi.

Mi pare di aver inteso da qualche intervento, se sbaglio meglio, che il fatto di dover dichiarare un reddito da lavoro (perché di questo si tratta) infastidisce qualcuno.
Spero di sbagliare.
Però la dichiarazione del reddito dovrebbe anche consentire la detrazione delle spese e degli investimenti, e qui il discorso si fa veramente complicato.
 




Io uso: solo le dita

____________________
c'è un filo logico, e la gente inciampa


MEGABASS Sito
MEGABASS Wiki


Elementi di Acustica delle Basse Frequenze - Volume I
 
Gianco Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
La situazione è in evoluzione... Le proposte normative prevedono semplificazioni fiscali e burocratiche che potrebbero rendere semplice autogestirsi anche senza la necessità di una partita IVA o di una iscrizione a una cooperativa. Questo costringerebbe anche le Cooperative di spettacolo (oggi intermediarie che permettono di lavorare in regola e di fatturare) a doversi reinventare e trasformarsi da cooperative di servizi di fatturazione in in cooperative pure.

In generale sarebbe più corretto parlare di doppio-lavoristi che di dopo lavoristi. Se fai un lavoro e ne fai anche un altro occasionalmente, sempre di lavoro si tratta, l'occasionalità non libera dagli obblighi fiscali. Il punto è che se suoni in un locale e prendi soldi, li prendi perché vendi un servizio. Se li prendi in nero commetti un illecito, se li prendi mascherandoli come rimborso spese, commetti un illecito. Se dichiari di non aver preso soldi per aver suonato in un locale commerciale commetti comunque un illecito anche se è vero che non li hai presi. La semplificazione come compare nelle proposte di legge comunque non sarà un ostacolo, tutti potranno esibirsi rispettando le regole e se le cose andranno bene, a costi accessibili e con meno burocrazia gestendo tutto on line. L'attuale situazione e gli obblighi relativi (se non dovesse cambiare) sono ben  spiegate in questo manuale Pdf redatto da una cooperativa ( che è quella a cui sono iscritto da qualche anno e sono un semplice associato quindi non ho nessun interesse) che finora è la guida più completa che io abbia trovato dopo anni che studio la materia.
 https://esibirsi.IT/ilmanualedellartista/

(edit: ho scoperto ora che il manuale una volta consultabile on line,viene inviato gratuitamente ora solo previa registrazione comunicando la propria mail. Io consiglio di scaricarlo ma per  chi non  abbia  voglia di lasciare la propria mail, esiste anche in versione podcast su youtube ma dura un'oretta. La parte interessante quella che spiega bene la questione degli obblighi fiscali la trovate esattamente dal minuto 9.30 al minuto 13.30 dove viene spiegata bene la differenza fra obblighi contributivi e obblighi fiscali e per quale motivo suonare dove c'è una attività commerciale è una attività lavorativa anche se si è esenti Inps/enpals. Sono 4 minuti che val la pena di seguire

https://www.youtube.com/watch?v=hLKyToKpw1k )

Per l'apertura di un post specifico nessun problema devo riorganizzare un po' di idee e materiale.
 




Io uso: plettro e dita

____________________
a lavare la testa all'asino si perde solo tempo e sapone
 
Ultima modifica di gozer il Mar 01 Dic, 2020 00:30, modificato 6 volte in totale 
gozer Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
Grazie gozer scaricato e letto (quasi tutto).

Chiarissimo e utilissimo.

Fa chiarezza sulla situazione attuale, se è in evoluzione sarà interessante seguirla.

E' spiegato in tutti i modi possibili che una attività di musica in un locale in cui si svolge attività commerciale è LAVORO e come tale per definizione è retribuito, lavorare gratis non è ammesso dalla legge.

Resta la complessità, anche per me che sono pensionato, delle implicazioni fiscali; credo sia questo il punto da risolvere.

Aspetto con ansia il post, lo seguirò con molta attenzione.
 




Io uso: solo le dita

____________________
c'è un filo logico, e la gente inciampa


MEGABASS Sito
MEGABASS Wiki


Elementi di Acustica delle Basse Frequenze - Volume I
 
Gianco Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
Gianco ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Ggge.

Resta la complessità, anche per me che sono pensionato, delle implicazioni fiscali; credo sia questo il punto da risolvere.

Aspetto con ansia il post, lo seguirò con molta attenzione.


Ciao Gianco, non ho ancora fatto un topic dedicato perchè sto cercando di studiare e interpretare le varie proposte di legge. Premesso che di proposte si tratta quindi niente di definitivo (devono essere discusse ed approvate...non siamo una priorità e potrebbe non accadere mai) ma ci si sta orientando verso il sistema dei voucher che permetterebbero prestazioni in regola fino a un certo importo annuo e con dei limiti per ogni committente. Permetterebbero di suonare in regola e comunque esenti dai versamenti previdenziali se si sta entro quei limiti (si parla di 2500 euro annui che per me è una cifra eccessivamente alta anche se adesso il limite è 5000, più avanti spiegherò perchè). Ma si aprono comunque degli spiragli...si parla invece di lasciare esenti da tutto i minori di 18 anni. Sono solo proposte e il quadro è ancora in via di definizione.

saluti
 




Io uso: plettro e dita

____________________
a lavare la testa all'asino si perde solo tempo e sapone
 
Ultima modifica di gozer il Lun 21 Dic, 2020 15:22, modificato 1 volta in totale 
gozer Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
^^^ grazie, so che sono solo proposte.
Anche io ho fatto qualche ricerca, l'idea dei voucher (o qualche cosa con la stessa logica ma nome diverso per non suscitare reazioni ideologiche) è quella che mi sembra più semplice; quanto all'importo, tutto da vedere.

Speriamo che vada avanti la discussione, sicuramente ora e fino a che ci sarà il problema della vaccinazione (e sperando che non saltino fuori altre mutazioni) le priorità sono altre, ma cerco di essere ottimista.
 




Io uso: solo le dita

____________________
c'è un filo logico, e la gente inciampa


MEGABASS Sito
MEGABASS Wiki


Elementi di Acustica delle Basse Frequenze - Volume I
 
Gianco Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
In merito all'argomento di partenza, personalmente ho vissuto la cosa ritengo in proporzione all'esperienza (tanta o poca) che ho accumulato nel corso degli anni.
Ho iniziato "tardi", causa la frequentazione della scuola serale e del lavoro da operaio, e comunque l'urgenza più immediata era di suonare OVUNQUE e ovviamente in qualsiasi condizione. Credo a causa degli inevitabili sogni da "Rockstar".
Ma si era nel 1976 e la musica non prevedeva strumentazione professionale, figuriamoci un impianto voce, e i locali di musica live NON esistevano.
Quindi un impianto voce o lo affittavi o te lo sognavi.
In quel di Saronno, città testimone delle prime esperienze, ho suonato nella mia prima uscita in un oratorio femminile, con le suore che ci guardavano storto, mentre i successivi concerti ce li siamo organizzati da soli, con tanto di ritiro delle mazzette di biglietti presso l'ufficio della SIAE e affitto del teatro.

Passando alla fase successiva, con la constatazione che mi potevo scordare di fare il musicista di professione. e con l'avvento dei locali di musica live, la strumentazione che si usava era raramente a disposizione nel locale e quindi ognuno si comprava la sua. Impianto voce compreso e ovviamente  a carico di chi cantava, nove volte su dieci io (bassista-cantante), ma senza pretendere l'affitto agli altri per quei due cori che potevano esserci o per amplificare cassa e rullante (pratica che non sopporto, visto che sentire uscire dalle casse la voce e detti componenti della batteria, è una cosa assurda).

Aumentando l'età e, perché no?, qualche esigenza oserei dire di stampo professionale, mi sono rotto di fare lo scaricatore di porto e mi sono permesso di "imporre" alle band con le quali ho suonato negli ultimi 5-6 anni, di andare a suonare SOLO nei luoghi preposti seriamente per i live e quindi provvisti di impianto e fonico. Beh, da almeno due band me ne sono uscito perché  gli altri componenti erano rimasti agli anni '90. Pazienza.

Riguardo alle disgressioni che ho letto nella discussione, mi permetto di aggiungere che (scusate la banalità) tra il dire e il fare c'è DAVVERO di mezzo il mare.
Sì perché molti professionisti, e ce ne è uno in questa discussione che ho avuto modo di conoscere, predicano molte bene (anche se con un pochino/tantino di spocchia e disprezzo verso i non professionisti, il termine "dopolavorista" lo considero molto insultante) ma quando conviene loro (specialmente quando altri non se ne accorgono o quasi) razzolano molto, ma molto male.
Tipo sparare cifre assurde per suonare in un locale che non gira molto bene, prendere dette cifre suonando davanti a 4 gatti e, prima della serata, rovesciare tonnellate di m. e soprattutto ad alta voce nei confronti del locale stesso. Ah, i gestori di quel locale non hanno visto fattura alcuna. Strano eh?
Oppure incontrare il sottoscritto nel corridoio della sala prove e cercare di sminuirlo dicendo "Ah, suoni musica vintage", facendo finta (finta?) di non ricordare che LUI sta suonando in un tributo ai Pink Floyd.
Poverino.
 




Io uso: solo il plettro

____________________
"Un Rickenbacker è per sempre"
 
Ultima modifica di gius il Sab 26 Dic, 2020 18:31, modificato 3 volte in totale 
gius Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Problemi Di Gestione Della Band 
 
avatar gius, "professionisti" che pretendono di farsi pagare, ovviamente senza fattura, più cena e bevande, quando nella serata ci sono 8 clienti, ne conosco anche io.
"professionisti" che sparano letame sui "colleghi" ne conosco anche io.
Ma anche "dopolavoristi" (tra " " perché nemmeno a me il termine piace) che fanno lo stesso....

IMHO non è una buona ragione per non:

1 mettere un po' di ordine nel settore
2 fare una cosa che i suddetti trovano da fessi, cioè assolvere un banale dovere di chi vive in una comunità

Quanto al fatto che ogni componente della band debba avere tutta l'attrezzatura che serve, non ci piove.
Ricordo che Ozzy Osbourne entrò nei Black Sabbath solo perché, essendo di famiglia abbastanza benestante, aveva il suo impianto voci di buona qualità, e il gruppo non si poteva permettere di acquistarlo (erano tutti low working class); trovò l'ingaggio attaccando questo annuncio: «Ozzy Zig requires gig. Owns own P.A.».
 




Io uso: solo le dita

____________________
c'è un filo logico, e la gente inciampa


MEGABASS Sito
MEGABASS Wiki


Elementi di Acustica delle Basse Frequenze - Volume I
 
Ultima modifica di Gianco il Dom 27 Dic, 2020 10:04, modificato 2 volte in totale 
Gianco Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:    
 

Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Pagina 6 di 7
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Successivo


NascondiQuesto argomento è stato utile?
Condividi Argomento
Segnala via email Facebook Twitter Windows Live Favorites MySpace del.icio.us Digg SlashDot google.com LinkedIn StumbleUpon Blogmarks Diigo reddit.com Blinklist co.mments.com
technorati.com DIGG ITA linkagogo.com meneame.net netscape.com newsvine.com yahoo.com Fai Informazione Ok Notizie Segnalo Bookmark IT fark.com feedmelinks.com spurl.net
Inserisci un link per questo argomento
URL
BBCode
HTML
 
NascondiArgomenti Simili
Argomento Autore Forum Risposte Ultimo Messaggio
No Nuovi Messaggi Pareri sul primo singolo della mia band... les1980 Megabass FM 30 Gio 28 Set, 2006 13:32 Leggi gli ultimi Messaggi
summer63
No Nuovi Messaggi ...della massa e della messa a terra... samthebest Bassi&Co. 20 Dom 14 Gen, 2007 11:25 Leggi gli ultimi Messaggi
geremia
No Nuovi Messaggi One man band ganesh Megabass FM 18 Gio 26 Mar, 2009 10:17 Leggi gli ultimi Messaggi
AngelsCry
No Nuovi Messaggi Rapporto fonico band ziofrenko Le Affinità Bassistiche 72 Dom 07 Set, 2014 18:43 Leggi gli ultimi Messaggi
compulsive
No Nuovi Messaggi Sognolivido,band Emergente Sognolivido Megabass FM 3 Ven 19 Set, 2014 09:52 Leggi gli ultimi Messaggi
Rocky13
 




 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files
Non puoi scaricare gli allegati
Non puoi inserire eventi calendario