Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login


Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione 
Pagina 1 di 13
Vai a 1, 2, 3 ... 11, 12, 13  Successivo
Vai a pagina   
 
PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY
Quale tipologia preferite?

Preamp stato solido+finale stato solido (mosfet o transistors)
Preamp valvolare+finale stato solido (cosidetto ibrido)
Preamp e finale valvolari
Preamp doppio stato solido+valvole e finale stato solido

Guarda i risultati
Autore Messaggio
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Buongiorno a tutta la community!

Mi presento, sono Marco Brunetti gia' costruttore di amplificatori per chitarra elettrica. Mi avvicino a questo grande Forum perche' e' mia intenzione proporre al mercato un amplificatore (testata) da basso di mia produzione. In passato ho realizzato un preamplificatore due canali valvolare che probabilmente qualcuno di voi conoscera', il Mr. B.

Esso ha riscosso un buon successo, specialmente tra coloro che apprezzavano la qualita', la caratteristica valvolare e non ultime le features

Mi sono sempre ripromesso che prima o poi avrei disegnato un amplificatore per basso con le caratteristiche che a me piacciono, e che fosse veramente minimal ma di qualita' alta.

Ora immagino quante siano le correnti di pensiero in merito alla tipologia di una testata hi quality. Per cio' vi invito ad esprimere il vostro parere tramite il sondaggio

Vi ringrazio anticipatamente per le risposte che vorrete scrivere e sono a completa disposizione per qualunque domanda chiarificatrice

Un saluto a tutti
Marco  
 




 
Ultima modifica di Marco Brunetti il Sab 27 Lug, 2013 16:27, modificato 2 volte in totale 
Marco Brunetti Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Sicuro di aver cercato bene?

Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: Pareri/Consigli 
 
Bentrovato, ma ti invito a trovare un titolo un po' pi? esplicativo di quello scelto .. oltre che a mettere il topic sotto forma di sondaggio.

edit: spostato nella sezione pi? adatta.
 




Io uso: solo le dita

____________________
Knowledge base

'Quello che più ti piace e che costi meno, il resto in birra.' MapleMarco

'Poi, fate un po' il c...o che vi pare ...' Claudio Sannoner

Ritratto Ritratto in musica Rigatoni Megabass Zen e basso Superattak GAS
 
Ultima modifica di summer63 il Sab 27 Lug, 2013 15:57, modificato 1 volta in totale 
summer63 Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Grazie per il supporto...
 




 
Marco Brunetti Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Onorato di "incontrarti".
Io ho avuto modo negli ultimi anni di apprezzare molto il finale digitale che per? non ? contemplato fra le scelte. Posso chiedertene il motivo?
Se ci fosse io voterei pre valvolare+finale D.
Ma al momento non esprimer? voto perch? nessuna di quelle configurazioni rappresenta il mio "ampli".
 




Io uso: solo le dita
 
PDRob Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Marco Brunetti, ti ho inserito tra gli Operatori del settore.
Per capire cosa significhi, basta una breve occhiata al Regolamento.
A presto.
 




Io uso: plettro e dita

____________________
Galleria Fotografica ad uso e consumo della Community
Prima di suonare due note, impara a suonarne una. E prima di suonarne una pensa se ha senso suonarla.
Farla semplice è difficile. Farla facile è più difficile. Farla invisibile è la cosa più difficile di tutte.
 
ganesh Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Ciao Marco, grazie per averci interpellato.
Anche se non ho avuto modo di provarlo,
il MrB sarebbe bello riaverlo in produzione.
Magari abbinato ad un finalone valvolare.
Io uso pre ss e finale mosfet
ma in questo caso voto All valve.
 




 
Ultima modifica di cubano il Sab 27 Lug, 2013 18:02, modificato 1 volta in totale 
cubano Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
PDRob ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Onorato di "incontrarti".
Io ho avuto modo negli ultimi anni di apprezzare molto il finale digitale che per? non ? contemplato fra le scelte. Posso chiedertene il motivo?
Se ci fosse io voterei pre valvolare+finale D.
Ma al momento non esprimer? voto perch? nessuna di quelle configurazioni rappresenta il mio "ampli".


Piacere mio.... sono un appassionato sostenitore dell'analogico puro. Capisco gli innumerevoli vantaggi della classe D ma non riesco a paragonare un sistema analogico con uno digitalizzato... ma ripeto, riconosco gli aspetti positivi che pero' restano macroscopici. Nel dettaglio credo che l'analogico sia ancora il meglio  
 




 
Marco Brunetti Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Marco Brunetti, sono uno dei felicissimi possessori del tuo Mr.B!

Devo dire che lo trovo eccezionale, e mi spiace che non sia ancora in produzione.
Troveresti molte persone interessate.

Io ti consiglierei di usare la base di quel preamp, facendo qualche piccola modifica:

- inserire un send return per entrambi i canali, oltre a quelli gi? presenti (al momento ce n'? uno per ciascun canale)
- inserire un controllo del volume della D.I. (che ? valvolare ed ? una bomba)
- inserire il controllo della DI dopo il volume del preamp. (al momento la DI prende il segnale dopo l'eq ma prima del volume. Cosa ottima in studio, ma un p? problematica in live)

Per il resto trovo che come qualit? sia eccezionale, e come suono... dovreste provarlo, sia in pulito che in gain ?  
 




Io uso: solo le dita

____________________
senza_titolo_1
Non importa quanto sia stretta la porta, quanto piena di castighi la vita,
io sono il padrone del mio destino, io sono il capitano della mia anima.
(W. E. Henley)

Hai uno stallone bianco, ma vorresti una zebra. Puoi anche chiedere che vernice usare per dipingergli le strisce, ma la verit? ? che non puoi tirare fuori una zebra da un cavallo. (Shedua511)
 
ferraro86 Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Marco Brunetti ha scritto: [Visualizza Messaggio]
...Capisco gli innumerevoli vantaggi della classe D ma non riesco a paragonare un sistema analogico con uno digitalizzato..


Il classe D ? analogico!
 




Io uso: plettro e dita

____________________
un grande uomo

...un so son
 
contegeorge Invia Messaggio Privato Invia Email
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Ho votato preamp e vinali a valvole. Per il motivo che di roba in classe D ce n'? a bizzeffe sul mercato, e per tutte le tasche.
 




Io uso: plettro e dita

____________________
LA MIA BAND:
https://soundcloud.com/skyofbirds/s...free-lakes-just
https://skyofbirdss.bandcamp.com/album/blank-love
https://www.facebook.com/skyof/
 
Simoneisidoro Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
contegeorge ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Il classe D ? analogico!


... la definizione non e' propriamente quella di amplificatore analogico !!!
 




 
Ultima modifica di ganesh il Sab 27 Lug, 2013 22:07, modificato 1 volta in totale 
Modificato da ganesh, Sab 27 Lug, 2013 22:07: Occhio ai quote.
Marco Brunetti Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Simoneisidoro ha scritto: [Visualizza Messaggio]
roba in classe D ce n'? a bizzeffe sul mercato, e per tutte le tasche.

Certo, ma anche di tutti gli altri tipi.
In realt? ho tirato in ballo il digitale perch? brunetti per la chitarra rappresenta un'eccellenza e, visto che, a mio avviso, il finale digitale per il basso ? quello che avr? maggiore sviluppo in futuro mi sembrava una "sfida" all'altezza della sua categoria.
Ad ogni modo si ? gi? espresso in merito.
 




Io uso: solo le dita
 
PDRob Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Marco Brunetti, come no. Non c'? campionamento, non c'? quantizzazione, non c'? associazione tra i quanti di livello ed una codifica digitale ed oltre tutto l'uscita varia con continuit? rispetto all'ingresso. Pi? analogico di cosi!

Giuro che la finisco qua con l'OT.
 




Io uso: plettro e dita

____________________
un grande uomo

...un so son
 
contegeorge Invia Messaggio Privato Invia Email
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
ferraro86 ha scritto: [Visualizza Messaggio]


- inserire un send return per entrambi i canali, oltre a quelli gi? presenti (al momento ce n'? uno per ciascun canale)
- inserire un controllo del volume della D.I. (che ? valvolare ed ? una bomba)
- inserire il controllo della DI dopo il volume del preamp. (al momento la DI prende il segnale dopo l'eq ma prima del volume. Cosa ottima in studio, ma un p? problematica in live)


certo, mettiamo anche il volume del volume dell'altro volume...  

quasi tutte le DI prendono il segnale prima del master.
cos? ? molto pi? semplice separare i due volumi

se tu sul palco vuoi pi? basso alzi il master e al banco arriva sempre lo stesso segnale. se dal banco ti chiedono di alzare tu alzi solo la DI.
quindi basta un volume sulla DI come hanno tutti i buoni Pre in commercio...

io ho votato preamp valvolare e finale SS (meglio mosfet se si pu?).
per? per pre valvolare intendo quello, cio? un pre che satura come deve o che mantiene un buon clean dal vero sapore valvolare. non con la solita 12ax7 mess? l? a caso.

poi mi piacciono anche i finali valvolari, ci mancherebbe   

la classe D mi accodo, ? analogica   di digitale non c'? nulla.
 




Io uso: plettro e dita

____________________
La donna è fedele ad uno quando il turco si fa cristiano (G. Verga)

Non tutti quelli che ti buttano della merda addosso lo fanno per farti del male;non tutti quelli che ti tirano fuori dalla merda lo fanno per farti del bene, ma, soprattutto... quando sei nella merda fino al collo, sta zitto!! (Il mio nome è Nessuno)


ZioFrenko su My Space
 
ziofrenko Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Per rispondere all' OT classe D e chiudere, dico che ho utilizzato il termine "digitale" in maniera non propria. Ma se si analizza il funzionamento di tale amplificatore si capisce immediatamente che tra comparatori che lavorano a frequenze altissime, alimentazione switching, segnale audio che viene "formato" in base alla richiesta e per finire filtri per eliminare i vari difettucci di commutazione mi sembra che definire la classe D analogica sia un altrettanto uso improprio del termine.


Detto questo, la mia filosofia e' quella di un amplificatore ibrido al netto di tutti i compromessi che questo termine esprime.

Cioe', un finale avra' la sezione di guadagno in tensione a valvole e la sezione di guadagno in corrente (buffer) in stato solido. E in ultimo zero NFB (feedback negativo). Posso garantire che la timbrica rispetto ad un valvolare puro e' favolosa, rendendo quello che quasi sempre si cerca riguardo l'aspetto armonico/dinamico del suono.

Ringrazio ancora per gli interventi che state postando  
 




 
Ultima modifica di Marco Brunetti il Dom 28 Lug, 2013 09:24, modificato 1 volta in totale 
Marco Brunetti Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Mi fa molto piacere che ti sia associato a noi "poveri" bassisti; del tuo pre valvolare, che non ho mai avuto il piacere di ascoltare, ho sentito parlare solo bene, in primis sulla stampa yankee.

Concordo che per la classe D il termine "Analogico", per quanto tecnicamente pi? corretto di "digitale", sia una forzatura: definire "segnale analogico" una sequenza di impulsi rettangolari di ampiezza costante e larghezza variabile lascia un po' perplesso un vecchio (anche anagraficamente) "tubista" come me, anche se mi tocca ammettere che la larghezza degli impulsi varia con totale continuit?, in misura rigorosamente proporzionale all'ampiezza (analogica) del segnale originario.
E' che produrre una quantit? industriale di armoniche dispari per poi filtrarle mi piace poco, concettualmente; per? poi all'atto pratico se la frequenza degli impulsi ? sufficientemente alta non suona male.

Detto ci?, Zero NFB ? il massimo, non c'? dubbio, soprattutto in campo HiFi, infatti tutti i miei amplificatori e pre HiFi sono a valvole, in Classe A e senza NFB.

Va benissimo anche sulla chitarra, ma sul basso ci? implica che l'accoppiamento con una cassa diventa problematico: tutte le casse reflex in commercio sono progettate per amplificatori con fattore di smorzamento stratosferico, e casse chiuse non ce ne sono molte.

P.S. mio cugino ha la tua 2x12 per chitarra: una bomba.
 




Io uso: solo le dita

____________________
c'è un filo logico, e la gente inciampa


MEGABASS Sito
MEGABASS Wiki


Elementi di Acustica delle Basse Frequenze - Volume I
 
Gianco Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Caro Gianco, mi avvicino a questo "mondo" dopo molti anni, i '90. All'epoca collaboravo con bassisti della mia zona, Roberto Drovandi degli Stadio in primis, e con Antonio Rigo Righetti, Ligabue e modenese come me. Il Mr.B! nacque sotto l'egida dei citati professionisti e mi diede enormi soddisfazioni. Riguardo alla reazione negativa devo dire che se lo stadio d'uscita mentiene una resistenza interna molto bassa (intendo MOLTO bassa) i problemi di pilotaggio si riducono sensibilmente.... Grazie per i tuoi complimenti!  
 




 
Marco Brunetti Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
che onore poter discutere con un produttore e sopratutto con uno smanettone!
Secondo me le vie sono diverse, c'? che punta sulla leggerezza perdendo qualcosina sul suono, caso mai con una cassa 1x12 o 2x10, e sono belli contenti di non avere la schiena spaccata e di fare comunque bella figura, poi c'? che invece punta sul suono e si porta dietro finaloni analogici obesi all valve che per alzarli bisogna frequentare a anno di palestra, con due casse 1x15 e 4x10.
C'? poi chi ha tutti e due e a seconda di dove va si porta il giusto compromesso.
Quindi secondo me l'idea ? che se fai una linea da basso questi due prodotti li devi avere.

Da smanettone a super smenettone io ti direi di fare un all valve con alimentazione switching, e peso ridotto al minimo, studiando tutte le cose che pesano poco, anche se il trasformatore d'uscita ci deve essere puoi vedere se facendolo toroidale scende di peso e volume, una via di mezzo!
 




 
x84andrea Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Se vuoi vendere, ti direi di puntare sulla classe D e casse compatte. La moda ora ? quella.

Per quanto mi riguarda, a me piacerebbe una bella testata che abbia sia un suono pulito ("stile transistor") convincente che un suono valvolare convincente.
 




Io uso: solo le dita

____________________
clauzanna: "Fear Of The Dark è la YMCA del metal"
Paolo: "..inoltre esplorare la tastiera è come giocare con un cubo di Rubik... 7 colori ma infinite facce"
Il Joey: "..e soprattutto diffido a priori di chi ha pretese artistiche. Anzi, solo al sentire la parola "arte" scappo a gambe levate, la catastrofe è sempre dietro l'angolo"
 
Sherlock Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Assolutamente finale mosfet e preamp valvolare

Marco Brunetti,onorato della tua presenza!
 




Io uso: plettro e dita

____________________
MEGABASS - Il Sito
MEGABASS FORUM
MEGABASS WIKI



SNACHO: se po fa? dai....jappo fa il palo....tonno guida...inmicio il capro espiatorio.....
"si, si hai pienamente ragione"(Opzione 2 : Snacho/Tonno)
dite cosa volete sentirvi dire e sarete accontentati.Non da me, per?.(QG)
-LiveRasko Band on MySpace
H.O.C.
 
Tonno Invia Messaggio Privato
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Grazie .... sinceramente non vorrei "clonare" mode esistenti, dove ormai c'e' solamente l'imbarazzo della scelta. Il mio sara' un prodotto diverso, piu' tradizionale e magari un po' di nicchia (dipendera' dal vostro punto di vista...)  

La compromissione che deriva dall'alleggerimento/costo e' una pratica gia' fortemente utilizzata.

Quindi capisco e posso in parte condividere i vostri suggerimenti verso classe D, switching... e sono perfettamente consapevole della fetta di mercato che andrei a perdere  
 




 
Marco Brunetti Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
ziofrenko ha scritto: [Visualizza Messaggio]
ferraro86 ha scritto: [Visualizza Messaggio]


- inserire un send return per entrambi i canali, oltre a quelli gi? presenti (al momento ce n'? uno per ciascun canale)
- inserire un controllo del volume della D.I. (che ? valvolare ed ? una bomba)
- inserire il controllo della DI dopo il volume del preamp. (al momento la DI prende il segnale dopo l'eq ma prima del volume. Cosa ottima in studio, ma un p? problematica in live)


certo, mettiamo anche il volume del volume dell'altro volume...

quasi tutte le DI prendono il segnale prima del master.
cos? ? molto pi? semplice separare i due volumi

se tu sul palco vuoi pi? basso alzi il master e al banco arriva sempre lo stesso segnale. se dal banco ti chiedono di alzare tu alzi solo la DI.
quindi basta un volume sulla DI come hanno tutti i buoni Pre in commercio...


ziofrenko con tutto il rispetto, ma si vede che non hai mai provato questo preamp.
Le mie richieste erano tutte sensate, visto che io il pre ce l'ho, e ritengo che abbia qualche piccola pecca in live.

Il pre ha due canali valvolari, uno pulito e uno distorto.
Con il gain regoli appunto il gain delle valvole, ed ? molto efficace.
Con il master di ciascun canale ne regoli il volume, in modo che A e B siano uguali.
La DI ? prima del master, come ? normalmente nelle testate.
Ma questo ? un pre a due canali. Io il master sul palco me lo regolo con il finale.
Ma dalla DI voglio che i volumi dei due canali sia uguale, e questa regolazione ce l'ho solo dopo i due master del pre.
 




Io uso: solo le dita

____________________
senza_titolo_1
Non importa quanto sia stretta la porta, quanto piena di castighi la vita,
io sono il padrone del mio destino, io sono il capitano della mia anima.
(W. E. Henley)

Hai uno stallone bianco, ma vorresti una zebra. Puoi anche chiedere che vernice usare per dipingergli le strisce, ma la verit? ? che non puoi tirare fuori una zebra da un cavallo. (Shedua511)
 
ferraro86 Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Condivido i suggerimenti di ferraro86 ... in effetti come preamp, la presenza del Master volume si sovrappone a quello del finale... a questo punto la DI potrebbe avere un selettore Pre/Post Master... sopra tutto perche' essendo un due canali i livelli di pre possono essere enormemente diversi e questo crea problemi al mixer... poi ovviamente un livello locale per la DI non si discute
 





____________________
www.brunetti.it
 
Marco Brunetti Invia Messaggio Privato HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
Io andrei su un finale a transistor classico, magari in classe A.
Il miglior finale per basso che abbia mai ascoltato ? il Bugatti 400 Power Amp della Glockenklang, che poi, nella sua versione a singolo canale, viene montato sulla testata Bass Art Classic Head, una delle migliori sul mercato
Pagina dei prodotti per basso Glockenklang
 




Io uso: plettro e dita

____________________
E' FINITO IL FESTIVAL! canta FabioFender, Ornago 16 luglio 2000
 
AuaAua Invia Messaggio Privato Invia Email
Torna in cimaVai a fondo pagina
Rispondi Citando   Download Messaggio  
Messaggio Re: PRODUZIONE AMPLIFICATORI MADE IN ITALY 
 
ho votato Pre e Finali Valvolari. quelli che ci sono pesano e costano, magari costruirne uno a ingombro e peso ridotti, con un buon rapporto qualit? prezzo. Penso che 250-300 watt valvolari massimo siano sufficenti. possiedo la VBA400 della Marshall e al 90% dei casi ? veramente troppo esagerata.
 




Io uso: solo le dita

____________________
powered by G&L, MARUSZCZYK basses and MESA BOOGIE, A.T.S. amplification, SANSONE STRING, REFERENCE CABLE, KORG, LINE6, SHURE, FENDER, FISCHERAMPS gears
 
Ultima modifica di taz il Lun 29 Lug, 2013 12:29, modificato 1 volta in totale 
taz Invia Messaggio Privato Invia Email HomePage
Torna in cimaVai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:    
 

Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Pagina 1 di 13
Vai a 1, 2, 3 ... 11, 12, 13  Successivo


NascondiQuesto argomento è stato utile?
Condividi Argomento
Segnala via email Facebook Twitter Windows Live Favorites MySpace del.icio.us Digg SlashDot google.com LinkedIn StumbleUpon Blogmarks Diigo reddit.com Blinklist co.mments.com
technorati.com DIGG ITA linkagogo.com meneame.net netscape.com newsvine.com yahoo.com Fai Informazione Ok Notizie Segnalo Bookmark IT fark.com feedmelinks.com spurl.net
Inserisci un link per questo argomento
URL
BBCode
HTML
 
NascondiArgomenti Simili
Argomento Autore Forum Risposte Ultimo Messaggio
No Nuovi Messaggi Fender Urge Stu Hamm (made In Mexico) R i c c a r d o Bassi&Co. 3 Dom 03 Set, 2006 14:29 Leggi gli ultimi Messaggi
Gianni
No Nuovi Messaggi Provenienza...made In????AHSDOWN, Hartke jacks Ampli&Co. 21 Mer 19 Dic, 2007 18:07 Leggi gli ultimi Messaggi
StudioBass
No Nuovi Messaggi Tobias Killer B 5 made in USA jaco_pastorius Bassi&Co. 29 Dom 02 Mar, 2008 14:40 Leggi gli ultimi Messaggi
difiancu
No Nuovi Messaggi Plettri Home-made Supersimo BassBuilding© 18 Mar 26 Lug, 2011 23:04 Leggi gli ultimi Messaggi
manu_me
No Nuovi Messaggi Pulizia Suono In Post-produzione. Quanto &... IlPier In The Studio 8 Mar 29 Apr, 2014 12:16 Leggi gli ultimi Messaggi
Gianco
 




 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files
Non puoi scaricare gli allegati
Non puoi inserire eventi calendario